Articoli

Uno sguardo al passato per un discorso sulla maternità: Birgitta di Svezia e Julia Kristeva

Uno sguardo al passato per un discorso sulla maternità: Birgitta di Svezia e Julia Kristeva


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Guardando al passato per un discorso sulla maternità: Birgitta di Svezia e Julia Kristeva

Laura Saetveit Miles

Forum femminista medievale: 47, no. 1 (2011): 52-76.

Astratto

Nel 1975, Julia Kristeva, la filosofa bulgaro-francese, critica letteraria, psicoanalista, sociologa e femminista, era incinta. Stava anche scrivendo, ei saggi degli anni che circondano la nascita di suo figlio nel 1976 riflettono una profonda preoccupazione per la maternità e il suo rapporto con la sessualità femminile e il femminismo. In uno dei suoi saggi più provocatori, apparso per la prima volta come articolo "Héréthique de l’amour" nel 1977 sul periodico Tel Quel (Inverno 1977) e successivamente come un capitolo intitolato "Stabat Mater" nel suo libro Histoires de l'amour nel 1983, Kristeva approfondisce la storia del culto della Vergine, confrontandosi con la tradizione mariana paleocristiana e medievale per mezzo di Marina L'influente libro di Warner, Solo di tutto il suo sesso: il mito e il culto della Vergine Maria (1976).

Come spiega il critico Toril Moi nel suo Kristeva Reader, dove viene ristampato questo saggio, la preoccupazione principale di Kristeva è “far notare che oggi, a causa della fine del culto della Vergine, e della religione in generale, ci rimane senza una soddisfacente discorso sulla maternità. " Ma Kristeva fa qualcosa di insolito in questo saggio: inframmezza flusso di coscienza, osservazioni intimamente personali della propria esperienza di gravidanza, parto e maternità. Questa narrazione interna è partita tipograficamente dalla narrazione critica principale (fig.1). Nessuno dei due racconti riconosce l'altro, lasciando al lettore il compito di dedurre il significato di questa sorprendente giustapposizione di storia individuale e storia cristiana.


Guarda il video: Julia Kristeva: New Forms of Revolt (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Orvin

    Giusto! Buona idea, sono d'accordo con te.

  2. Gerry

    Questa domanda non mi è chiara.

  3. Ciceron

    Il talento, non dirai nulla.

  4. Magami

    Grazie mille per le informazioni, ora non commetterò un tale errore.

  5. Snowden

    Penso che abbiano torto. Scrivimi in PM, parla.

  6. Santos

    Chiedo scusa, questo non mi va bene. Chi altro può respirare?



Scrivi un messaggio