Articoli

Simoniaca Heresis

Simoniaca Heresis


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Simoniaca Heresis

Di Jean Leclercq

Tradotto da W. L. North dall'originale francese in Studi Gregoriani I (Roma, 1947)

Introduzione: San Gregorio VII ei suoi contemporanei usavano spesso l'espressione eresi simoniaca [eresia simoniaca o eresia di simonia]. Nel nostro tempo, l '“eresia” è definita come una dottrina che si oppone alla verità rivelata: è quindi un giudizio erroneo dell'intelletto. Ma la simonia è un'azione, una pratica: riguarda la categoria della recitazione, non la categoria del sapere. Alcuni sono anche tentati di concludere che la simonia non è un'eresia. Allo stesso modo sono costretti a sottomettersi a un'interpretazione che permetta di respingere il modo di parlare di Gregorio VII e quello di molti altri. Secondo questa ipotesi, anziché ammettere che i papi, i teologi ei canonisti non sapessero né cosa fosse l'eresia né cosa fosse la simonia, saremmo ridotti a pensare che, sotto la loro penna, la parola eresi, applicata alla simonia, sia solo metafora vaga, equivalente a pestis, morbus o pravitas, che gli stessi scrittori medievali associano all'epiteto simoniacus, sebbene molto meno frequentemente. Se si desidera apprezzare il valore dell'espressione eresi simoniaca, e se si vuole valutare la sua conformità alla tradizione, è importante ripercorrere le tappe principali della sua storia.

In cima ai più antichi cataloghi di eretici compare Simone il Mago, che descrive il racconto degli Atti degli Apostoli. È il caso, ad esempio, del Libellus adversus omnes hereses (Opuscolo contro tutte le eresi) dello Pseudo-Tertulliano, che risale probabilmente alla prima metà del III secolo; in questo testo, in cui sono enumerati gli errori di Simone, non vi è alcuna allusione al fatto che egli desiderava ottenere lo Spirito Santo per un pagamento d'argento. Al contrario, si fa menzione di una stirpe di apostoli "che dicevano le stesse cose di lui". Simone è quindi considerato il fondatore di una vera setta. Qualche tempo dopo, san Girolamo disse anche che "[Simone] creò un'eresia", poiché [eresia] a quel tempo era generalmente usato come sinonimo di "setta". Già tra il 383 e il 391 Filastrio da Brescia, ispirato dai cataloghi più antichi [delle eresie], pose Simone ei suoi discepoli all'inizio della loro lista di eretici dopo la Passione di Cristo. Anche lui non parla del desiderio di Simone di acquistare lo Spirito Santo. Ma quest'ultima lamentela sarà quella con cui, intorno al 428, sant'Agostino rimprovera in primo luogo Simone.

Con Gregorio Magno (papa, 590–604) l'espressione eresi simoniaca diventa una frase usata di frequente. San Gregorio lo impiega in una delle sue omelie su un testo in cui esprime tutta l'essenza del suo pensiero sull'argomento. Coloro che impongono lo Spirito Santo solo a condizione di ricevere denaro sono colpevoli tanto quanto i venditori che Gesù ha scacciato dal tempio. Sono la rovina del sacerdozio, ed è per questo che il Redentore ha distrutto le loro tavole di conteggio: "da lì avviene che i santi canoni condannano l'eresia simoniaca". San Gregorio qui parla di simonia senza alludere a Simone. In un'altra omelia, evoca il racconto degli Atti degli Apostoli e lo mette in dialogo con la stessa scena dei Vangeli, per poi ribellarsi alla simonia, ma non la nomina né la caratterizza come eretica. In questi due testi accusa Simone di nessuno degli errori dottrinali che gli antichi cataloghi gli attribuiscono: lo accusa solo di aver voluto mettere in vendita il dono di Dio.


Guarda il video: Dark Desires - Storm Full Album - 2021 (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Saniiro

    Penso che tu commetta un errore. Posso dimostrarlo. Scrivimi in PM.

  2. Cromwell

    Sono totalmente d'accordo con te, ok

  3. Keiji

    Caro amministratore! Puoi scrivere informazioni sul tuo blog sulla mia bacheca.

  4. Meran

    Ben fatto, sei stato visitato dalla straordinaria idea



Scrivi un messaggio