Articoli

La "Confessio" di Gower e la "Nova statuta Angliae": lezioni reali di diritto inglese

La


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La "Confessio" di Gower e la "Nova statuta Angliae": lezioni reali di diritto inglese

Rosemarie McGerr (Indiana University - Bloomington)

ES. Revista de Filología Inglesa 33.1 (2012)

Astratto

Questo saggio esamina i parallelismi tra la discussione sulla regalità e la legge nel Confessio Amantis e il racconto della deposizione di Edoardo II che apre la Nova statuta Angliae, un confronto che rivela come ogni testo impiega un discorso ibrido che crea molteplici quadri di riferimento per il lettore. Copie manoscritte di entrambi i testi sembrano essere state commissionate per Riccardo II all'inizio del 1390, in un momento in cui il re cercava di difendersi dalle limitazioni del suo potere, e la Confessio è stata raffigurata come un commento sull'adempimento delle sue responsabilità da parte del re. Questo saggio mostra come entrambi i testi intrecciano discorsi di argomenti legali, narrativa romantica, consigli ai principi ed esemplari religiosi in modi che rafforzano la loro rappresentazione del sacro obbligo del re di sostenere le leggi del paese, sulla base del giuramento di incoronazione inglese che è entrato nel testo circolazione nel XIV secolo.

Molti studiosi concordano sul fatto che la Confessio Amantis di Gower condivide qualità con opere medievali nel genere "specchio per principi". Sebbene la Confessio circolasse in diverse forme, probabilmente a partire dai primi anni del 1390, tutte incorporano nel Libro VII un ampio resoconto dell'istruzione di Aristotele di Alessandro Magno sui principi della buona regalità. In alcune versioni della Confessio, il Libro VIII offre un commento aggiuntivo sui doveri dei re e un'ulteriore discussione sulla regalità fa parte del prologo. Sebbene le diverse forme del poema raffigurino il suo mecenate come Riccardo II o Enrico di Lancaster, Conte di Derby, che depose Riccardo nel 1399 e divenne Enrico IV, il tema della buona regalità rimane forte nelle versioni Ricardiana e Lancaster. Più recentemente, tuttavia, gli studiosi hanno iniziato a notare che la Confessio ha anche affinità con diversi testi legali inglesi medievali che circolavano durante gli anni 1380 e 1390, alcuni dei quali Riccardo II commissionò o ricevette in dono.


Guarda il video: Vox Clamantis (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Are

    At me a similar situation. Discutiamone.

  2. Voodootaur

    Si Certamente. Mi iscrivo a tutto quanto sopra.

  3. Nestor

    In esso c'è qualcosa. Ora tutto è chiaro, ringrazio per l'aiuto in questa domanda.

  4. Voodookora

    This is a very valuable answer.



Scrivi un messaggio