Articoli

Manoscritti miniati: arte e scienza

Manoscritti miniati: arte e scienza



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Manoscritti miniati: arte e scienza

Conferenza di Stella Panayotova

Dato all'Università di Toronto l'8 marzo 2012

Cosa possiamo imparare sull'arte medievale? In una conferenza tenuta all'Università di Toronto, Stella Panayotova, Keeper of Manuscripts and Printed Books presso il Fitzwilliam Museum di Cambridge, discute di come la sua ricerca utilizzando osservazioni scientifiche e analisi dei pigmenti stia facendo luce su come sono stati realizzati i manoscritti medievali.

Panayotova, che è anche il direttore del Illuminazioni di Cambridge e Miniare Progetti di ricerca, ha iniziato il suo discorso sottolineando che ci sono idee sbagliate sulle abilità e le tecniche degli artisti medievali. Sottolinea che la maggior parte degli artisti avrebbe imparato il proprio mestiere nei laboratori e collaborando con altri artisti invece che studiando trattati scritti. Aggiunge che il tipico artista medievale doveva "svolgere più compiti", lavorando un giorno su un manoscritto e l'altro su una finestra o un dipinto di una chiesa.

I manoscritti miniati, che lei descrive come "una galleria d'arte portatile", furono la principale forma di conoscenza dall'antichità al XVI secolo. Essendo rilegati in un involucro resistente, questi lavori sono stati in gran parte risparmiati dagli elementi e sono per la maggior parte intatti. Panayotova rileva che i manoscritti incompiuti spesso forniscono ricchi dettagli alla nostra comprensione delle tecniche artistiche.

Alcuni dei pigmenti più comuni usati dagli artisti medievali includevano:

  • minio - colore rosso a base di piombo; questo deriva dalla parola "miniatura" da cui proviene
  • cinabro / vermiglio
  • Legno brasiliano - prodotto con una tintura proveniente dall'Asia sud-orientale
  • blu oltremare - che proveniva dall'Afghanistan ed era costoso come l'oro
  • azzurrite
  • indaco - che proveniva dall'India e poteva apparire come nero o blu
  • orpimento: una vivida tonalità gialla
  • zafferano
  • malachite
  • terre verte
  • verderame - che è stato prodotto esponendo il rame all'aceto o al vino

Il commercio dei pigmenti durante il Medioevo comportava lunghe distanze, poiché molti dei prodotti provenivano dall'Asia. Ci fu un'espansione di questo commercio durante il XII e il XIII secolo quando l'impero mongolo prese il controllo della Via della Seta, ma con il loro crollo il commercio iniziò a diminuire.

Panayotova si rivolge quindi alle nuove forme emergenti di analisi tecnica e a ciò che rivelano sull'arte medievale. La riflettografia a infrarossi può studiare cosa c'è sotto l'immagine che vediamo e rivelare schizzi originali e le prime modifiche apportate dall'artista. La spettroscopia per immagini, d'altra parte, viene utilizzata per distinguere i materiali utilizzati da un artista: ad esempio, cosa è stato utilizzato per creare un particolare blu: azzurrite, blu oltremare o indaco?

Queste e altre tecniche aiutano a rivelare molto su come sono stati realizzati i singoli dipinti, nonché a vedere le tendenze più generali nell'arte medievale. Ad esempio, ora sappiamo che il tuorlo d'uovo è stato utilizzato come agente legante per queste varie vernici.

Stella Panayotova osserva che pochissime istituzioni hanno le risorse per essere in grado di svolgere questi esami non invasivi delle opere d'arte medievali, ma spera che ci sarà più collaborazione tra le istituzioni così come tra coloro che studiano l'arte medievale e coloro che possono sviluppare tecnologie in grado di esaminare questi lavori. Come dice Panayotova, lo studio dell'arte medievale ci permette di capire meglio come "trasmettono bellezza e significato" e anche secoli dopo possono "provocare ancora risposte potenti nei suoi spettatori".

Guarda anche questo video in cui Stella Panayotova discute di manoscritti medievali al Fitzwilliam Museum, incluso un raro esempio di manoscritto medievale olandese.

Guarda anche: Storie segrete dei codici miniati: il progetto MINIARE

Vedi anche Rivelare il primo Rinascimento: storie e segreti nell'arte fiorentina


Guarda il video: La Miniatura (Agosto 2022).