Articoli

La partecipazione degli ordini militari alle tregue con i musulmani in Terra Santa e in Spagna durante il XII e il XIII secolo

La partecipazione degli ordini militari alle tregue con i musulmani in Terra Santa e in Spagna durante il XII e il XIII secolo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La partecipazione degli ordini militari alle tregue con i musulmani in Terra Santa e in Spagna durante il XII e il XIII secolo

Di Alan Forey

Ordines Militares: Annuario per lo studio degli ordini militari, Vol. 17 (2012)

Introduzione: Sebbene la funzione principale degli ordini militari fosse quella di combattere contro gli infedeli, la guerra nel Medioevo non fu mai continua, poiché gli eserciti non potevano essere tenuti indefinitamente nel campo e quando c'era uno squilibrio di potere tra cristiani e musulmani lo era nell'interesse della parte più debole cercare tregue, anche a scapito delle concessioni. Quando il vicino mondo islamico era diviso, era anche possibile per i cristiani giocare contro le potenze musulmane rivali schierandosi l'una contro l'altra e talvolta ottenendo tributi. Poiché gli ordini militari crescevano di importanza nel dodicesimo secolo, era inevitabile che fossero tra quelli consultati sulla cessazione delle ostilità, e questo coinvolgimento era a volte formalizzato negli impegni assunti dai governanti per chiedere il consiglio degli ordini. Nel 1143 Raymond Berenguer IV, conte di Barcellona, ​​promise ai Templari che in futuro non avrebbe fatto pace con i musulmani se non con i loro consigli. Quasi contemporaneamente, Raimondo di Tripoli diede l'impegno agli Ospitalieri di non entrare in tregue con i musulmani senza il loro consiglio, e una promessa simile fu fatta da Boemondo III di Antiochia all'Ospedale nel 1168. Tali promesse, alcune di questi fatti in una fase iniziale del coinvolgimento degli ordini nella guerra contro gli infedeli, riflettono l'importante contributo che ci si aspettava di dare nella lotta contro l'Islam. Quel consiglio fu infatti cercato e dato, e che i fratelli degli ordini erano o ften tra i negoziatori impiegati dai governanti, non ha bisogno di dimostrazioni; ma lo scopo di questo articolo è di considerare fino a che punto gli ordini militari hanno agito in modo indipendente nel fare, osservare e rompere le tregue.

Bisogna fare una distinzione tra la penisola iberica e l'Oriente latino, poiché in quest'ultimo gli ordini giunsero a godere di una libertà d'azione molto maggiore. Ciò non sorprende. Governanti e nobili negli stati crociati dipendevano normalmente da limitate fonti locali di reddito e manodopera, mentre gli ordini internazionali in Oriente erano in grado di attingere risorse da tutta la cristianità occidentale: costituivano quindi un elemento importante negli eserciti del Stati crociati e acquisì autorità su un numero crescente di roccaforti, in alcune aree controllando considerevoli distretti. Nella penisola iberica gli ordini militari, al contrario, dovevano fare affidamento principalmente sulle risorse locali. Santiago possedeva alcune proprietà al di fuori della penisola, specialmente in Francia, ma queste proprietà non erano molto significative; e Templari e Ospitalieri in Spagna non hanno ricevuto sostegno da colleghi in altre parti dell'Europa occidentale. Gli ordini internazionali nella penisola erano infatti obbligati a inviare uomini e rifornimenti in Oriente. Gli stessi governanti spagnoli potevano attingere alle entrate e alla forza lavoro - sia nobili che cittadini - da un'area che, nonostante le battute d'arresto, crebbe notevolmente durante il dodicesimo secolo e l'inizio del tredicesimo secolo. L'autorità centrale fu anche per la maggior parte del periodo più stabilita nei regni spagnoli che negli stati crociati, anche se ci furono alcuni periodi di instabilità politica nella penisola. In Oriente, la mancanza di un governante efficace era più evidente nel regno di Gerusalemme nel tredicesimo secolo, ma i problemi di successione si verificarono anche più a nord.


Guarda il video: A proposito di Castiglia.. di Gianni Fabbri (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Kealy

    Mi dispiace interromperti, ma potresti descrivere un po 'più di dettaglio.

  2. Abda

    Freddo

  3. Mal

    È una vergogna!

  4. Mador

    Non parlerò su questo argomento.

  5. Akizahn

    Scusa, ci ho pensato e ho eliminato questa frase



Scrivi un messaggio