Articoli

La continuità dei sistemi di approvvigionamento idrico romano nella Spagna post-romana: il caso di Valentia, un esempio affidabile?

La continuità dei sistemi di approvvigionamento idrico romano nella Spagna post-romana: il caso di Valentia, un esempio affidabile?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La continuità dei sistemi di approvvigionamento idrico romano nella Spagna post-romana: il caso di Valentia, un esempio affidabile?

Jiménez, Javier Martínez

Revista Arkeogazte, No.1, pp. 125-144, anno 2011, Recepción: 27-V-2011; Revisione: 19-VII-2011; Accettazione: 27-VII-2011

Astratto

Anche se l'ipotesi generale è che i sistemi di approvvigionamento idrico romano (acquedotti in particolare) abbiano cessato di funzionare durante il periodo tardo romano, e che questi non fossero presenti nelle città medievali, recenti ricerche archeologiche stanno dimostrando che non è sempre stato così. Diverse città in Spagna mostrano continuità archeologica nei loro sistemi di approvvigionamento idrico nel periodo visigoto, e una di queste sembra essere Valencia. Esistono testimonianze archeologiche che suggeriscono un acquedotto funzionante fino all'XI secolo, probabilmente legato al mecenatismo episcopale o, meno probabile, per intervento regio. Le informazioni disponibili provengono dagli scavi di L'Almoina, c / Cavallers ec / Quart, in cui non solo sezioni del
sono stati recuperati acquedotto con stratigrafia integra conservata, ma anche importanti strutture per il consumo di acqua. Valencia è anche un esempio unico della riparazione dei sistemi di approvvigionamento idrico romano nel periodo degli Omayyadi.

Roma era famosa per i suoi acquedotti e i romani erano rinomati per la loro ingegneria idraulica. La costruzione di acquedotti era qualcosa di così chiaramente romano che è difficile immaginare queste strutture ad arco in qualsiasi altro periodo di tempo. Ma queste erano troppo grandi e troppo utili per essere semplicemente distrutte una volta caduto l'Impero Romano, eppure è difficile immaginare una città medievale con un acquedotto. Questa apparente sciocchezza è l'obiettivo principale della mia ricerca di dottorato, in cui cerco di identificare quegli acquedotti che continuano a funzionare nel periodo visigoto e oltre, ragionando sul motivo per cui ciò è accaduto e su come ha influenzato l'urbanistica tardoantica. Quando mi è stato offerto di contribuire al primo numero di Arkeogazte.


Guarda il video: Romae Historia - ROMA IN SPAGNA - Alberto Angela (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Zugis

    Mi congratulo, che parole..., l'idea geniale

  2. Beorhttun

    Mi congratulo, quali parole ..., il pensiero eccellente

  3. Kazem

    Piagnucolare! Dà un errore ... in questo momento sarò nervoso ...

  4. Faeshakar

    Considero che ti sbagli. Propongo di discuterne. Inviami un'e -mail a PM.

  5. Marcel

    Credo che ti sbagli.

  6. Honovi

    e dove a te la logica?

  7. Tanguy

    Ritengo che non hai ragione. Scrivimi in PM.



Scrivi un messaggio