Articoli

Visibilità delle donne bizantine nelle arti

Visibilità delle donne bizantine nelle arti


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Visibilità delle donne bizantine nelle arti

Piltz, Elisabeth (Università di Uppsala, Svezia)

21 ° Congresso Internazionale di Studi Bizantini, Londra (2006): Comunicazione (II.5 Secular Space)

Astratto

Il ruolo e lo status delle donne a Bisanzio è legato alla teoria del genere delle donne nelle società medievali. Diversi studiosi hanno già affrontato questo problema. Angeliki Laiou ha scritto di genere, società ed economia e Aleksander Kazhdan sulla segregazione tra uomini e donne nel XII secolo. Ioli Kalavrezou ha curato il catalogo della mostra del Vita delle donne bizantine, Lynda Garland ha curato le imperatrici bizantine e Cordula Scholz ha scritto una dissertazione sullo status giuridico delle imperatrici Comnene. Ioannis Spatharakis ha curato i ritratti miniati nei manoscritti. Nel mio progetto le rappresentazioni artistiche delle donne di Bisanzio sono il punto di partenza. Questo materiale è in parte ispirato dalla meticolosa analisi di Klaus Wessel nell'articolo sulle insegne in Reallexikon zur Byzantinischen Kunst Il 1972 sarà sistematizzato e confrontato con le prescrizioni di legge e le descrizioni letterarie e storiche delle donne. La concezione di sé delle donne come specchio dell'ideologia prevalente a Bisanzio sarà dedotta da queste diverse fonti. Charles Diehl in Figure bizantine ha affermato che le donne a Bisanzio avevano una posizione straordinaria e vogliamo verificare se questo vale per le donne in generale o è limitato a determinati strati della società.


Guarda il video: Storia di Bisanzio e dell Impero (Potrebbe 2022).