Articoli

Storia ebraica e memoria dei gentili: l'espulsione del 1492

Storia ebraica e memoria dei gentili: l'espulsione del 1492



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Storia ebraica e memoria dei gentili: l'espulsione del 1492

Di Edward Peters

Storia ebraica, Vol. 1 (1995)

Introduzione: Durante l'undicesimo, il dodicesimo e il tredicesimo secolo, i regni ei principati cristiani dell'Iberia settentrionale estesero il loro potere verso sud. Acquisirono territori e persone che, dal primo quarto dell'VIII secolo, erano sotto il dominio islamico. I regni di Leon-Castila, Aragona e Portogallo (in particolare i primi due) contenevano un numero maggiore di non cristiani - ebrei e musulmani - rispetto a qualsiasi altro territorio cristiano dell'Europa occidentale. Fino alla fine del XIV secolo veniva definito il tipo di vita pubblica condotta in questi stati convivencia, "Convivenza pacifica", e nell'uso ebraico si chiamava Iberia Sefarad (Abdia 20: letteralmente il punto più a nord della migrazione ebraica in Siria; figurativamente, un rifugio lontano dalla Palestina).

Gli ebrei hanno svolto un ruolo subordinato ma cruciale in questi regni, che sono stati definiti società sociologicamente incomplete, cioè che richiedono la presenza e il servizio di non cristiani per alcune funzioni governative - principalmente finanziarie e professionali - che i sudditi cristiani non potevano o non volevano svolgere. Sebbene gli ebrei fossero necessari, furono anche esclusi dalle alte cariche pubbliche, come lo erano gli ebrei in altre parti dell'Europa cristiana.


Guarda il video: Conoscere lEbraismo per capire il Cristianesimo - Prof. Mattia Di Taranto (Agosto 2022).