Articoli

French Connections: The Significance of the Fleurs-de-Lis in the Mosaic of Re Roger II of Sicily in the Church of Santa Maria dell’Ammiraglio, Palermo

French Connections: The Significance of the Fleurs-de-Lis in the Mosaic of Re Roger II of Sicily in the Church of Santa Maria dell’Ammiraglio, Palermo



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

French Connections: The Significance of the Fleurs-de-Lis in the Mosaic of Re Roger II of Sicily in the Church of Santa Maria dell’Ammiraglio, Palermo

Di Dawn Marie Hayes

Documento dato al 46 ° Congresso Internazionale Medievale, Kalamazoo (2011)

Introduzione: Il fulcro del mio intervento è l'immagine davanti a te, un mosaico di Cristo che incorona il re Ruggero II di Sicilia a Santa Maria dell'Ammiraglio - più comunemente conosciuta come La Martorana - a Palermo, in Sicilia. Iniziata nel 1140 in onore della Vergine Maria, la Martorana fu costruita da Giorgio d'Antiochia, un cristiano ortodosso siriano che servì come ammiraglio di Ruggero, una posizione simile a quella del primo ministro. Anche se non sappiamo chi abbia progettato i mosaici, è probabilmente lecito ritenere che, come fondatore, lo stesso George abbia avuto una certa influenza sul loro design. È anche molto probabile che Ruggero conoscesse - e forse anche visto - il mosaico, che rappresentava la fonte della sua autorità reale in un modo con cui sarebbe stato a suo agio. In effetti, il re sembra essere stato coinvolto nella fondazione della chiesa e persino assistito con la sua dotazione. Lo statuto di fondazione del 1143 chiarisce che a Ruggero fu chiesto di apporre il suo 'alāma (firma) sul documento. Infatti, Ernst Kitzinger sostiene che l'apparizione della firma di Roger, il motto "Sia lode a Dio e grazie per le sue benedizioni", rende praticamente il re un co-fondatore della chiesa.


Guarda il video: Cappella Palatina (Agosto 2022).