Articoli

Adulterio e regalità nell'Equitan di Marie de France

Adulterio e regalità nell'Equitan di Marie de France


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Adulterio e regalità in Marie de France Equitan

Kinoshita, Sharon

Saggi in Studi medievali, vol. 16 (1999)

Astratto

Nella letteratura francese medievale, la trama convenzionale dell'amore cortese si concentra sulla figura della regina. In quanto donna di rango più alto del paese, è l'oggetto femminile naturale del desiderio eterosessuale maschile, un desiderio accentuato dalla distanza sociale e simbolica che la contraddistingue come inavvicinabile e ostile. Nelle storie di una regina adultera, il re ha spesso una figura povera. Cornuto da un membro della sua famiglia, rimane inspiegabilmente passivo (come Arthur) o ricorre a comportamenti sconvenienti dalla sua posizione (come Marc, accovacciato su un albero per spiare l'assegnazione di Iseut con Tristan). L'Equitano di Marie de France, invece, racconta la storia di un re adultero invischiato in una relazione con la moglie del siniscalco. Sebbene la signora inizialmente resista alle avances del re, alla fine si arrende; i due poi tramano di disporre di suo marito in modo che possano sposarsi. In una svolta di fair play, il siniscalco scopre la loro slealtà e vengono scottati a morte nel bagno caldo a lui destinato. Ora, storicamente, le relazioni extraconiugali degli uomini erano così di routine che la stessa frase "re adultero" sembra priva di senso. I cronisti mostrano sorpresa non quando un sovrano ha preso un'amante, ma piuttosto quando non l'ha fatto. Perché, allora, Marie de France immagina una fine così brutta per questi particolari amanti, quando altrove nel Lais mostra simpatia per le mogli adultere (come a Yonec) e per gli amanti non sposati (come a Lanval o Milun)? La semplice risposta si trova nella morale che Marie aggiunge al racconto: "Colui che progetta il male per un altro può avere quel male di rimbalzo su di lui" "Tels purcace le mal d'autrui / Dunt tuz li mals revert sur lui" (309- 10). Una risposta più articolata riguarda la rappresentazione dei lai della complessa interazione tra le forme cortigiane e le responsabilità della regalità. Ridistribuendo i ruoli di marito, moglie e amante non sposato, Equitan interroga la funzione della regalità, situandola al nesso delle relazioni signore-vassallo e della politica feudale del lignaggio.


Guarda il video: Моя парф полка - хранение, организация (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Camara

    Tra di noi dice, prova a cercare la risposta alla tua domanda su Google.com

  2. Nasir

    Stai facendo un errore. Posso dimostrarlo. Inviami un'e -mail a PM, discuteremo.

  3. Fauzragore

    grande

  4. Riddoc

    Confermo. Mi unisco a tutto sopra. Possiamo comunicare su questo tema. Qui o in PM.

  5. Iasion

    Cosa fare in questo caso?



Scrivi un messaggio