Articoli

Il mondo islamico medievale attraverso gli occhi di due viaggiatori

Il mondo islamico medievale attraverso gli occhi di due viaggiatori


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il mondo islamico medievale attraverso gli occhi di due viaggiatori

Di Melanie A. Clouser

Agora, Vol.3: 1 (2002)

Introduzione: le regioni islamiche, a lungo ignorate e fraintese da molti, contengono informazioni integrali sulle civiltà mediterranee medievali. Lo storico Henri Cordier afferma: "Gli occidentali hanno singolarmente ristretto la storia del mondo" alla loro scarsa conoscenza dell'Israele storica, della Grecia e di Roma, ignorando il vasto resto del mondo diverso, ma non per questo meno civilizzato. Le culture delle regioni islamiche hanno attirato molti viaggiatori durante il Medioevo, come Benjamin di Tudela e Ibn Battuta, per una serie di motivi. Gli studiosi percorsero lunghe distanze per partecipare al "fulgido prestigio dei grandi centri culturali del Medio Oriente, in particolare il Cairo e Damasco", che contenevano le risorse intellettuali più consistenti. Un malinteso comune della città islamica la considerava “né la polis classica né il borgo europeo; rappresentava il decadimento del primo senza la capacità di svilupparsi nel secondo. " I diari di viaggio di Benjamin di Tudela e Ibn Battuta forniscono una conoscenza diretta del mondo islamico, che contraddice i limiti di questa visione. Lungi dall'essere una città delinquente, la medina (città islamica), in particolare Damasco e Il Cairo, contribuì molto allo sviluppo culturale per tutto il Medioevo, come attestato dalla letteratura di viaggio dell'epoca.

Comprendere i primi sviluppi del mondo islamico fornisce il contesto necessario per la nostra esplorazione del tardo Medioevo. Gli elementi culturali, lungi dallo svilupparsi in modo indipendente, prosperano nell'interazione tra le varie società. Lo studioso Ross Dunn si riferisce alla "zona intercomunicante", attraverso la quale popolazioni sedentarie e urbanizzate fin dai tempi antichi si unirono in Medio Oriente, India e Cina, condividendo e prendendo in prestito elementi culturali. Alla fine, questa relazione crebbe, estendendosi in Africa, Asia ed Europa, influenzando l'intero emisfero orientale, e quindi la popolazione umana in generale, con grandi variazioni di effetto. Durante questo scambio, le popolazioni rurali e pastorali acquisirono alcuni elementi culturali, oltre a influenzare periodicamente le popolazioni urbane, attraverso il potere culturale e politico. Le relazioni commerciali formavano una rete complessa attraverso e intorno al Mediterraneo, trasportando merci e idee. Al tempo dell'Impero Abbaside (dal X al XIII secolo), i due grandi bacini marittimi del mondo erano collegati, spostando persone e idee in tutto l'Impero musulmano, contribuendo alla tendenza della comunicazione che è aumentata nel corso della storia. A partire dal 1137-38 con un trattato genovese-almohade, i mercanti europei svilupparono un rigoroso sistema di commercio, estendendosi al Nord Africa nel 1200 e alle isole britanniche e alle Fiandre entro il 1300.


Guarda il video: Io, cronista musulmana, vi racconto lIslam (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Zolokinos

    È un peccato che ora non possa esprimermi: sono in ritardo per l'incontro. Tornerò - esprimerò assolutamente il parere.

  2. Merlow

    Una persona espande il percorso e non il percorso espande una persona ...

  3. Roderic

    notevolmente, il messaggio molto divertente



Scrivi un messaggio