Articoli

Mercanti stranieri nella Barcellona medievale

Mercanti stranieri nella Barcellona medievale


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Mercanti stranieri nella Barcellona medievale

Di Guillem d’Efak Fullana Ferré, Alberto Ribas Casasayas, Núria Sauri Sanchez e Máxim Serranos Soler

La ville en Europe (1998)

Introduzione: Il periodo tra il XIII e il XV secolo vide l'espansione mediterranea del Regno di Catalogna-Aragona, un periodo il cui inizio può essere datato dalla morte del re Pietro I nella battaglia di Muret contro il regno di Francia (1213 ), durante l'intervento catalano nella crociata francese contro i paesi occitani. Questa sconfitta segna la fine degli interessi catalani nella politica occitana: l'erede di Pietro I, Giacomo I il Conquistatore, si sottomise alle pressioni politiche e militari francesi e trovò meglio cambiare la direzione di quello che era stato l'interesse geografico dell'espansione per più di un secolo .

Quindi, re Giacomo iniziò quella che sarebbe stata l'espansione mediterranea della Catalogna con la conquista delle Isole Baleari dai Mori nelle successive campagne dal 1228 al 1335. Inoltre, re Giacomo sostenne il progetto di occupare il bacino mediterraneo della penisola iberica, e lui conquistò progressivamente l'intero regno di Valencia tra il 1232 e il 1245 (la città stessa fu occupata nel 1238). Questi furono gli inizi dell'ulteriore acquisizione di posizioni lungo le rotte del Mediterraneo da parte della Casa Reale di Barcellona: Sicilia, Sardegna e Napoli durante il ciclo delle campagne italiane di Alfonso il Magnanimo (1421-1442).

Insieme all'espansione politica, ci fu l'espansione commerciale dei mercanti catalani, tra i quali quelli provenienti da Barcellona avevano un ruolo di primo piano. Fino a quel momento i mercanti italiani avevano frequentato la scena commerciale mediterranea. D'ora in poi, i mercanti di Barcellona avrebbero cercato di spazzarli via con il sostegno dei re. La scena mediterranea sperimentò una crescente rivalità tra due sfere d'influenza - catalana e italiana settentrionale - per il controllo delle principali rotte commerciali e l'accesso preferenziale ai mercati principali e più redditizi, che ostacolò anche pirati, corsari e crescenti tensioni politiche.

Tenerlo a mente è importante per noi, perché questo tipo di tensioni si è verificato anche, con gli stessi protagonisti e con uno scenario più locale, proprio a Barcellona, ​​dove il nascente potere politico ed economico dei mercanti locali si è scontrato con gli interessi dei agenti commerciali parvenu dall'estero.

Questo fatto è l'argomento principale di questo documento in cui faremo un breve commento sulle controversie legali e le accuse all'autorità reale sulla presenza e la competenza dei mercanti stranieri, e sulla loro presenza quantitativa che frequentano le fonti demografiche e altri argomenti rilevanti che faremo vedi sotto.


Guarda il video: PROVÓCAME! CAP 21 (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Ori

    Degno di nota, è una risposta molto preziosa

  2. Jur

    Questo messaggio è semplicemente senza partite;)

  3. Sage

    Questo messaggio è incomparabile

  4. Qaseem

    Cosa ci si aspettava, lo scrittore era atipicamente ricotto!

  5. Tal

    Come può esserci contro il talento

  6. Mac Ghille-Dhuibh

    Hai assolutamente ragione. In esso qualcosa è anche per me questa idea è piacevole, sono completamente con te sono d'accordo.



Scrivi un messaggio