Articoli

Realtà o finzione? L'ingiusta realtà di un capro espiatorio

Realtà o finzione? L'ingiusta realtà di un capro espiatorio



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La storia della nobiltà mondiale è piena di stravaganza, ricchezza e, più spesso, di arroganza. In tutti gli angoli del globo, aristocratici e nobili, re e giovani principi, erano tutti considerati intoccabili, più grandi della vita e protetti da diritti divini. Imporre la mano su un nobile era spesso una trasgressione punibile nel modo più severo, a volte anche con la morte. Allora come fai a rimproverare un giovane scolaro, che è anche il tuo re, il suo erede o semplicemente un ragazzo molto nobile? Nel corso della storia, questi nobili ragazzi e ragazze avevano spesso tutor speciali, che insegnavano tutte le materie avanzate. Ma hanno anche dovuto tornare alla buona vecchia frustata per punire i cattivi risultati, perché un bambino è un bambino, non importa quanto nobile. Entra il capro espiatorio! Impariamo di più su una delle grandi ingiustizie del mondo medievale: prendere un pestaggio destinato a qualcun altro!

Il concetto del capro espiatorio svela la distorta gerarchia sociale del medioevo.

Studiare il concetto di capro espiatorio: verità o mito?

La storia dei fustigatori - sebbene generalmente accettata come vera - è in gran parte oscurata dal mistero poiché gli studiosi non sono stati in grado di dimostrarlo per molto tempo. La storia di un capro espiatorio è certamente una storia di ingiustizie e maltrattamenti, e una grande visione della distorta gerarchia sociale del primo e del tardo medioevo.

A quel tempo, i giovani ragazzi delle alte sfere, siano essi re, eredi, principi, nobili nobili o monarchi di qualsiasi tipo, spesso avevano al loro fianco i fustigatori. Questi bambini sarebbero stati educati insieme allo studente nobile e sarebbero stati a disposizione per essere picchiati quando richiesto. I bambini di alto rango dell'epoca non potevano in alcun modo ricevere questo tipo di punizione, poiché il loro tutore o insegnante era quasi sempre di livello sociale inferiore e non potevano mettere le mani su questi studenti privilegiati. Invece, il tutor avrebbe picchiato, o frustato, il capro espiatorio.

  • 9 metodi di punizione antica che ti faranno contorcere
  • Colto con le mani nel sacco! Legge e ordine nell'Inghilterra medievale
  • Darya Saltykova: crudele aristocratica russa con un gusto per l'omicidio

Si sperava che l'atto avesse un effetto morale sul giovane nobile, e che la sofferenza del capro espiatorio servisse da motivazione per non ripetere le loro trasgressioni. Ma è importante ricordare che le scuole di quel periodo non erano così indulgenti come le istituzioni moderne. Insegnanti e tutor avevano spesso il diritto di punire i loro studenti disobbedienti e disinteressati in vari modi. Inginocchiarsi sul grano era un castigo comune, così come lo sferzare i palmi delle mani. Tuttavia, era comune anche una corretta frustata sulla schiena e sui glutei, e di solito veniva eseguita con un bastone lungo, sottile e flessibile.

Anche se questo era comune, molti storici oggi mettono in dubbio l'esistenza di capre fustigatori dedicati. Mentre alcuni studiosi affermano che la loro esistenza storica è un mito, altri limitano il loro ruolo solo a servire i monarchi ragazzi che non potrebbero essere danneggiati a causa del loro "diritto divino". Il diritto divino, noto anche come "mandato di Dio", è una dottrina inventata da nobili e re per consolidare il loro diritto a un trono. Afferma che un tale monarca è stato predestinato e scelto da Dio per essere il re. Bene, se ci credi, crederai a qualsiasi cosa.

Essere un capro espiatorio era una scomoda scala verso la ricchezza e il potere.

Una scala scomoda verso la ricchezza e il potere

Un aspetto sconcertante rispetto all'accuratezza della storia del capro espiatorio, è il fatto che molti scritti contemporanei su questi argomenti non li menzionano affatto. Un esempio notevole è lo scrittore Desiderius Erasmo, uno dei più grandi studiosi e filosofi del Rinascimento. I suoi due maggiori trattati, il 1516 Educazione di Christian Prince , e quest'ultimo 1530 Declamatio de Pueris Statim ac Liberaliter Instituendis , entrambi affermano che un tutore non può e non può punire fisicamente un principe o un monarca. Tuttavia, non menziona in alcun modo i ragazzi frustati.

Nel 1852, tuttavia, il famoso scrittore Hartley Coleridge scrive che "essere fustigati per procura era il privilegio esclusivo del sangue reale... Era molto ambito per i figli della nobiltà più povera, come il primo gradino nella scala del successo". è cruciale nel dirci che essere un capro espiatorio per un principe o un re era certamente una posizione desiderabile in cui trovarsi, ed era forse riservato ai ragazzi di piccola nobiltà che cercavano di "elevarsi tra i ranghi". Proprio come alcuni altri titoli nobiliari medievali, ad esempio lo "Sposo dello sgabello", essendo un capro espiatorio collocava l'individuo nella cerchia più stretta di intimità con la regalità. Da quella posizione, si poteva fare amicizia con il suo signore e apprendere informazioni cruciali, elevarsi in una posizione migliore e così via.

Mentre l'esistenza dei caproni è ancora ampiamente dibattuta, una frase comune potrebbe indicare che in effetti esistessero. Al giorno d'oggi, l'espressione “capo espiatorio” è spesso usata per indicare un capro espiatorio o un capro espiatorio, in riferimento alla persona che si prende la colpa ingiustamente. Oppure può semplicemente denotare qualcuno che è vittima di bullismo e vittimismo. Inoltre, l'idea del capro espiatorio è stata spesso esplorata nella letteratura moderna, indicando la presenza dell'idea e la familiarità che abbiamo con questo concetto storico.

Gli avventurosi dei lettori ricorderanno sicuramente Una canzone di ghiaccio e di fuoco, una popolare serie di libri di G. R. Martin, l'autore di Game of Thrones. In esso, la famiglia regnante dei Baratheon, ampiamente sgradita, impiega un capro espiatorio per i suoi membri più giovani. Un'altra opera moderna relativa all'argomento è giustamente chiamata Il ragazzo frustato , un libro per bambini di Sid Fleischman. Racconta delle avventure di un giovane principe e del suo capro espiatorio, e di come il primo apprende l'umiltà. Un'altra menzione compare nel libro del 2002 ragazzo re di David Belbin, attraverso una rappresentazione immaginaria di personaggi storici.

Se osserviamo la letteratura nel corso della storia, possiamo individuare importanti menzioni di capro espiatorio, indicando che certamente esistevano in qualche modo o forma, anche se limitati a un solo paese o addirittura a un singolo tribunale. L'Oxford English Dictionary documenta il primo uso della parola capro espiatorio da un commento biblico del 1647 di John Trapp, il famoso commentatore della Bibbia anglicana. In relazione al 1° Timoteo, capitolo 5, versetto 20, scrive:

"Quei presbiteri che peccano pubblicamente (pubblicamente)... e quelli che sono stati condannati da due o tre testimoni... Rimproverare prima di tutti, ma non come se stessero frustando i ragazzi".

A sinistra: il re Giacomo I d'Inghilterra e VI di Scozia, visto qui da bambino, è ritratto da Sir Walter Scott mentre ha un capro espiatorio nel suo libro Le fortune di Nigel. . A destra: da ragazzo, si dice che anche Luigi XV abbia avuto un capro espiatorio.

Sperando che il giovane principe studiasse

Uno dei famosi scrittori della letteratura inglese classica, Sir Walter Scott, ha toccato l'argomento anche nella famosa serie Waverley. Il libro Le fortune di Nigel dal 1822 ha un personaggio chiamato Sir Mungo Malagrowther , che funge da capro espiatorio per il giovane Giacomo VI di Scozia . Walter Scott scrive: “ ...e [egli] ha sconvolto l'anima stessa del giovane re, per le fustigazioni che ha concesso al capro espiatorio, quando il compito reale non è stato svolto adeguatamente.

Poco dopo, nel 1881, Mark Twain pubblicò il romanzo Il principe e il povero , in cui anche lui include la menzione di un capro espiatorio. Qui è scritto che "Giacomo I e Carlo II hanno frustato i ragazzi quando erano piccoli, per prendersi i loro... punizione per loro quando mancavano le lezioni; così ho osato fornirne uno al mio piccolo principe, per i miei scopi”.

Tutto ciò ci dice che l'idea dei fustigatori è stata effettivamente presente nella cultura per molti secoli, indicando che ad un certo punto esisteva davvero. Si potrebbero anche trovare una serie di ragioni per cui un monarca richiederebbe la presenza di un capro espiatorio. Nel mondo medievale degli intrighi, che erano quasi una necessità nelle corti reali, il castigo fisico fatto a un presunto erede oa un giovane Re poteva essere un fattore potente e una causa di rovina per chi lo faceva. Allora, come punire un ragazzo nobile? Speri che l'intrinseca moralità dell'uomo entri in gioco, e la pietà per il capro espiatorio aiuta a raddrizzare le cose.

Ci sono diverse possibili apparizioni storiche di fustigatori che potrebbero gettare un po' di luce sull'argomento. Sebbene alcuni di essi non siano mai stati completamente dimostrati essere accurati, sono comunque un vantaggio importante. Un esempio è la giovinezza di Luigi XV di Francia, che in seguito divenne re, ed era conosciuto come Luigi l'Amato. Nell'era controversa del francese antico regime e la borghesia, la giovane governante del re, una certa Madame de Ventadour, trovò molti ragazzi giovani come suoi compagni di gioco. Uno di loro era il figlio di un semplice calzolaio, che sarebbe stato regolarmente punito al posto di Louis. Questo è stato menzionato nel 1769 da Marie, Marchesa du Deffand, ed era apparentemente noto a tutti durante quell'epoca. È anche scritto che il giovane Louis ha continuato a comportarsi male e a trascurare i suoi studi indipendentemente dalle percosse che il giovane fustigatore ha ricevuto.

C'erano dei vantaggi nell'essere un capro espiatorio. Molti divennero stretti confidenti dei nobili che servivano.

I vantaggi di diventare un capro espiatorio: confidente del re

Altrettanto importante è il libro Storia del mio tempo, scritto nel 1723 da Gilbert Burnet, vescovo di Salisbury e famoso filosofo scozzese. In esso, Burnet scrive che William Muray era il paggio e il capro espiatorio del futuro re, Carlo I d'Inghilterra. Murray sarebbe poi diventato il 1 ° conte di Dysart, e anche lo sposo del re della camera da letto, entrambe posizioni molto redditizie e alte. Murray è diventato il primo Conte di Dysart e il titolo è ancora detenuto dai suoi discendenti. Quindi è chiaro che un po' di frustate ingiuste che ha sopportato da ragazzo è stato certamente un giusto scambio per la ricchezza e il potere di cui ha goduto in seguito.

Si dice anche che il giovane Edoardo VI d'Inghilterra abbia avuto un capro espiatorio, o un "procuratore per la correzione" per dirla diversamente. Questo era Barnaby FitzPatrick, figlio del I barone di Upper Ossory, chiamato anche Barnaby FitzPatrick, che fu mandato come ostaggio alla corte reale da ragazzo. È stato scritto nel 1592 da Konrad Heresbach che gli è stato detto personalmente a Londra che il capro espiatorio è stato frustato davanti al giovane re, specialmente quando quest'ultimo ha pronunciato parolacce e parolacce che non gli era permesso. Tuttavia, Barnaby FitzPatrick ricevette la più alta educazione alla corte reale e fu un nobile di spicco nella sua vita, diventando il secondo barone di Upper Ossory.

Il concetto del capro espiatorio esisteva anche fuori dall'Europa. Nelle lunghe tradizioni della corte imperiale cinese esisteva un'idea simile. Nel corso della sua storia, specialmente durante l'era della dinastia Qing, sono esistite le cosiddette ahah giuse (哈哈珠子) ragazzi, che studiavano insieme ai giovani principi. Anch'essi potrebbero raggiungere una grande importanza più avanti nella vita.

Quando il futuro decimo imperatore della dinastia Qing, Guangxu, aveva cinque anni e iniziò la sua educazione nel 1876, fu scritto che doveva essere nominato figlio, che secondo l'antica usanza imperiale manciù, doveva studiare insieme a lui come un "ha 'hachutsze", conosciuto in Europa come a souffre-doleur o capro espiatorio. Era scritto che ogni volta che il futuro imperatore, chiamato Figlio del Cielo, non prestava attenzione, o era cattivo in qualsiasi modo, il suo fustigatore sarebbe stato picchiato e disonorato al suo posto. Quanto sia stato efficace per l'educazione dell'Imperatore, non lo sappiamo.

Uno studio critico sull'empatia

Il concetto del capro espiatorio è davvero uno studio sulla moralità e la compassione. Sebbene l'idea sia completamente ingiusta, è stata comunque ampiamente accettata durante i periodi tardo medievali e rinascimentali. Ha anche dato ai nobili minori l'opportunità di elevarsi a posizioni molto più importanti più avanti nella loro vita sopportando punizioni nella loro infanzia.

Ma sorge la domanda: è questo un modo efficace per rimproverare un futuro monarca indisciplinato? La possibile risposta è legata alla natura dell'individuo. Quelli benedetti con compassione ed empatia farebbero sicuramente del loro meglio per non vedere il loro compagno danneggiato. Ma quelli a cui mancavano questi tratti, sarebbero diventati tiranni. Re assetati di potere, nel vero senso della parola: opportunisti, crudeli e senza cura per gli altri.


Flagellazione

Flagellazione (Latino flagello, "frusta"), fustigazione o frustare è l'atto di battere il corpo umano con strumenti speciali come fruste, verghe, interruttori, il gatto a nove code, lo sjambok, il knout, ecc. Tipicamente, la fustigazione viene imposta a un soggetto riluttante come punizione tuttavia, può anche essere sottoposti volontariamente per piacere sadomasochistico, o eseguiti su se stessi, in contesti religiosi o sadomaso.

I tratti sono solitamente diretti alla schiena nuda di una persona, in certi ambienti può essere estesa ad altre aree corporee. Per una sottoforma moderata di flagellazione, descritta come bastinado, le piante dei piedi nudi di una persona vengono utilizzate come bersaglio per le percosse (vedi frustate dei piedi).

In alcune circostanze la parola "fustigazione" è usata in modo approssimativo per includere qualsiasi tipo di punizione corporale, tra cui betulle e fustigazione. Tuttavia, nella terminologia giuridica britannica, è stata fatta una distinzione (ed è tuttora, in uno o due territori coloniali [ citazione necessaria ] ) tra "fustigazione" (con un gatto a nove code) e "frusta" (in precedenza con una frusta, ma dall'inizio del XIX secolo con una betulla). In Gran Bretagna questi furono entrambi aboliti nel 1948.


Identificare i vampiri

Sebbene la maggior parte delle persone possa nominare diversi elementi della tradizione dei vampiri, non ci sono caratteristiche saldamente stabilite. Si dice che alcuni vampiri siano in grado di trasformarsi in pipistrelli o lupi, altri no. Si dice che alcuni non gettino un riflesso, ma altri lo fanno. Si dice che l'acqua santa e la luce del sole respingano o uccidano alcuni vampiri, ma non altri. L'unica caratteristica universale è il drenaggio di un fluido corporeo vitale, tipicamente sangue. Uno dei motivi per cui i vampiri sono figure letterarie di tale successo è che hanno una storia e un folklore ricchi e variegati. Gli scrittori possono giocare con le "regole" aggiungendo, sottraendo o modificandole per adattarle alla storia che hanno in mente.

Trovare un vampiro non è sempre facile: secondo una leggenda rumena avrai bisogno di un bambino di 7 anni e di un cavallo bianco. Il ragazzo dovrebbe essere vestito di bianco, messo sul cavallo e la coppia liberata in un cimitero a mezzogiorno. Guarda il cavallo vagare in giro, e qualsiasi tomba sia più vicina al cavallo quando finalmente si ferma è la tomba di un vampiro - o potrebbe semplicemente avere qualcosa di commestibile nelle vicinanze, a tua scelta.

L'interesse e la fede nei revenants sono aumentati nel Medioevo in Europa. Sebbene nella maggior parte delle storie moderne il modo classico per diventare un vampiro è essere morso da uno, questa è una svolta relativamente nuova. Nel suo libro "Vampires, Burial, and Death: Folklore and Reality" (Yale, 2008), il folklorista Paul Barber ha osservato che secoli fa, "Spesso i potenziali revenants possono essere identificati alla nascita, di solito da qualche anomalia, qualche difetto, come quando un bambino nasce con i denti Allo stesso modo sospettoso sono i bambini nati con un capezzolo in più (in Romania, per esempio) con una mancanza di cartilagine nel naso, o un labbro inferiore spaccato (in Russia) … Quando un bambino nasce con un capello rosso , o membrana amniotica, che copre la sua testa, questo è stato considerato in gran parte dell'Europa come una presunta prova che è destinato a tornare dai morti." All'epoca tali piccole deformità erano considerate di cattivo auspicio.

La credenza nei vampiri deriva dalla superstizione e da supposizioni errate sul decadimento post mortem. I primi resoconti registrati di vampiri seguono uno schema coerente: qualche disgrazia inspiegabile potrebbe colpire una persona, una famiglia o una città - forse una siccità ha prosciugato i raccolti o una malattia infettiva colpita. Prima che la scienza potesse spiegare i modelli meteorologici e la teoria dei germi, qualsiasi evento negativo per il quale non c'era una causa ovvia poteva essere incolpato di un vampiro. I vampiri erano una facile risposta all'annosa domanda sul perché le cose brutte accadono alle persone buone.

Gli abitanti del villaggio hanno unito la loro convinzione che qualcosa li avesse maledetti con la paura dei morti e hanno concluso che forse il defunto di recente potrebbe essere responsabile, essendo tornato dalle tombe con intenzioni malvagie. Le tombe furono portate alla luce e gli abitanti dei villaggi sorpresi spesso scambiarono i normali processi di decomposizione per fenomeni soprannaturali. Ad esempio, sebbene i laici possano presumere che un corpo si decomponga immediatamente, se la bara è ben sigillata e sepolta in inverno, la putrefazione potrebbe essere ritardata di settimane o mesi la decomposizione intestinale crea gonfiore che può forzare il sangue nella bocca, facendolo sembrare un cadavere ha recentemente succhiato il sangue. Questi processi sono ben compresi dai medici e dagli operatori di pompe funebri moderni, ma nell'Europa medievale erano considerati segni inconfondibili che i vampiri erano reali ed esistevano tra loro.


Whipping Boy - la band irlandese più sottovalutata di tutti i tempi?

Era il novembre 1992, ero all'Olympia, ad ascoltare il meraviglioso e unico Thom McGinty - alias The Diceman - MC, uno spettacolo di beneficenza sull'AIDS per celebrare la Giornata mondiale dell'AIDS. Sono andato avanti perché c'era una voce che gli U2 avrebbero fatto un'apparizione a sorpresa. Sapevo che erano in città, che si stavano rilassando durante una pausa natalizia dal fenomeno gonfio che era il Zoo TV tour - una stravaganza tecnica che ha mostrato la nuova capacità della band di abbracciare il kitsch, il post-modernismo, l'autoironia e confezionarlo nella città intertestuale e urbana portatile di Zoo TV. Ero eccitato, ma francamente un po' seccato perché non avevano ancora portato questo tour in Europa, con i concerti di RDS ancora da quasi un anno.

Comunque, si sono presentati, invece si sono seduti sul divano di Pat Kenny su RTÉ One mentre i loro sosia (penso che in realtà si chiamassero Sosia!), suonato sul piccolo palco dello studio accanto a loro a Donnybrook. È stato tutto un po' folle, fortunatamente mia madre l'ha registrato per me!

Gli U2 alla fine hanno suonato, ma abbiamo avuto l'altro doppelganger di Bono - Gavin Friday, che era in tour Adamo &lsquon Eva album. Se la memoria non mi inganna, ho visto anche Blink e The Pale quella notte, tra gli altri. La mia delusione per il no-show degli U2 è diminuita quando i miei occhi e le mie orecchie sono stati aperti a una band che avrebbe avuto una parte uguale di amore e importanza nella mia vita per i successivi venticinque anni - Whipping Boy (nonostante quel famigerato testo di Bono, che sarebbe arrivare più tardi).

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto Spotify Usiamo Spotify per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Come ho già detto in precedenza, ormai conosciamo tutti Whipping Boy, soprattutto per il loro secondo album filaria, ma non era così nel 1992. filaria mancavano ancora tre anni, ma prima c'era il rumoroso e sonoro assalto di Sottomarino, l'album di debutto della band, e prima ancora c'era il Penso che mi manchi EP, e prima c'era l'EP Whipping Boy, e prima ancora era Dolce cosa storpiata. Il mio amico Warren - cantante/cantautore della mia prima band e mentore musicale a tutto tondo per questo periodo della mia vita - era in piedi accanto a me all'Olympia quella notte, e come un fan accanito di Whipping Boy, ha fatto una registrazione di tutto il suddetto materiale di Whipping Boy che era disponibile. L'ho semplicemente leccato.

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto di YouTube Usiamo YouTube per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Sinceramente non avevo mai sentito niente come Whipping Boy, e mentre viaggiavo in lungo e in largo per il paese andando a tutti i concerti negli anni successivi, posso onestamente dire che per me, Fearghal, Paul, Myles (Myley) e Colm erano superstar . Ricordo l'attesa che avrei provato prima che la band arrivasse sul palco, il tremito nervoso nel mio stomaco, l'eccitazione di ascoltarli e mi chiedevo che tipo di follia avrebbe combinato Fearghal stasera. In seguito, Warren parlava con loro, io ero un po' timido e un po' più giovane, quindi ho sbagliato, ma entrambi prendevamo sempre una scaletta dal palco prima di partire. Come batterista, Colm ha avuto una grande influenza su di me, e ricordo distintamente che aveva i piatti più brillanti che avessi mai visto, e facevano rimbalzare la luce sul pubblico mentre il suo kit era seduto lì, in attesa che arrivasse e suonasse cosa. Myley suonava il suo basso con questo stile strimpellante che non avevo mai visto prima in un bassista. Si aggirava anche sul palco come un eroe della chitarra, mentre il vero eroe della chitarra Paul rimaneva sempre piuttosto immobile, ma trasudava carisma. Aveva anche dei bei capelli!

E poi c'era Fearghal!

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto di YouTube Usiamo YouTube per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Ero troppo giovane e un po' in ritardo sulla scena per catturare Whipping Boy al leggendario Underground in Dame Street. Situato in un seminterrato, una volta ho sentito una storia di Fearghal che correva su per le scale dal locale e fuori dalla porta principale su Dame Street, a metà apparecchio, microfono in mano e cantava una canzone per il grande divertimento degli estranei che camminavano mentre il la band stava suonando lungo le scale del locale. Spero che sia vero! Fearghal era un front-man nel vero senso della parola, la voce non sempre eccezionale, ma il cuore, l'onestà, l'energia e le parole erano sempre speciali.

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto di YouTube Usiamo YouTube per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Potrei aver perso la metropolitana, ma ero lì al Tivoli, al Rock Garden, al Féile, all'Olympia e molti altri.

Quello che ricordo di più di questo periodo sono due concerti al Baggot Inn, a una settimana di distanza (credo). La mia memoria mi dice che erano due lunedì sera di fila, ma mi correggo. Cillian potrebbe essersi unito a loro in questo palco alla chitarra. Era il periodo post-Submarine, probabilmente nel 1993 e la band si era presa un po' di tempo libero. In quelle due notti hanno suonato Scintillio, non abbiamo bisogno di e Personalità - punti cardine del loro magnum opus filaria che doveva seguire alcuni anni dopo. Ho visto queste canzoni crescere nel corso dell'anno successivo, sicuro nella consapevolezza che erano dei classici non registrati e che i Whipping Boy un giorno sarebbero diventati una band molto importante per molte persone. E ad essere onesti, i Whipping Boy sono diventati una band molto importante, ma forse non così tanti come tutti avevamo desiderato.

Ma la band ha consegnato e ci ha lasciato con filaria, un capolavoro profondo, scioccante, provocatorio, oscuro, divertente, cupo, arrabbiato, maniacale, nostalgico, onesto (oh quanto è onesto questo disco) e meraviglioso. Quattro uomini al vertice assoluto del loro gioco, guidati dai talenti di produzione di Warren Livesey, che hanno aiutato a trovare la bellezza sublime nell'onestà e nel confronto della musica di Whipping Boy, aiutati dalle trame degli splendidi arrangiamenti degli archi.

Ahimè, era per Whipping Boy. Il tempismo era scaduto, la campagna di rilascio e promozione per filaria è stato giudicato male dalla casa discografica e la band stessa ha preso alcune decisioni professionali sbagliate. Ci hanno lasciato con l'autoprodotto Capro espiatorio album nel 2000. Viene trascurato, ma questo è un grande disco, anche se non all'altezza Sottomarino e filaria. Puoi solo sentire l'odore della dolcezza di una fascia durante la salita e assaporare la puzza nelle tue narici quando scendono. Non era il lavoro, dato che le canzoni reggevano, ma la disperazione che aleggiava nell'aria, poiché diventava ovvio che il momento era passato.

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto Spotify Usiamo Spotify per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Eppure, quella stessa vecchia anticipazione nervosa è tornata nel mio stomaco quando si sono riformati per suonare in alcuni spettacoli nel 2005. Ero felice di questo sviluppo, in effetti estasiato. Felice di poterli rivedere, speranzoso che possa essere qualcosa di più grande, ma soprattutto felice per loro. Felice per Fearghal, Paul, Myley e Colm. Nei 10 anni dall'uscita di filaria, La reputazione e la popolarità dei Whipping Boy crebbero a livelli superiori a quelli di quando erano una band di lavoro. Un fenomeno peculiare, ma ripeto, la grandezza è solitamente assicurata nel tempo, raramente nel momento. Nei 12 anni trascorsi dalla riforma, si potrebbe sostenere che la loro leggenda sia ulteriormente cresciuta.

Ancora una volta, mi sono ritrovato in prima fila all'Olympia, 13 anni dopo, più vecchio, più saggio, più cinico ora dopo aver visto i miei sogni di carriera musicale declinare lentamente. È stato bello rivederli, erano piuttosto arrugginiti ma non mi importava. Quello che ricordo di più sono i pantaloni di pelle di Fearghal, i suoi appelli per una rivoluzione e una situazione esilarante in cui Colm non riusciva a capire il conteggio di quattro battute nel primo verso di fantascienza dopo l'introduzione di chitarra di Paul (territorio dell'anorak - il primo conteggio è sull'ultimo accordo). Fece la stessa identica cosa al Savoy a Cork la notte seguente quando andai a trovarli. Mi sono perso la loro esibizione all'Oxegen alcuni mesi dopo, ma ho sentito che a quel punto erano insieme ed erano eccezionali.

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto di YouTube Usiamo YouTube per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze

Non ho mai più visto Whipping Boy, poiché la riforma è crollata poco dopo, per qualsiasi motivo. E meno si dice meglio è per quanto riguarda il Whipping Boy che si è riformato di nuovo nel 2010/2011 senza Paul e Myley.

Le band hanno un certo tempo in cui sono vitali e il nostro tempo è passato. -Paolo Pagina.

Il segreto sta nel sapere quando fermarsi, e posso solo immaginare quanto sia difficile per una band come i Whipping Boy realizzarlo. La tragedia è non sapere dove avrebbero potuto andare, probabilmente c'era molto di più. O forse erano destinati a brillare, ma per un breve periodo. Se questo è il caso, beh, missione compiuta. Qualunque sia la tristezza e il rimpianto, abbiamo ancora filaria.

Abbiamo bisogno del tuo consenso per caricare questo contenuto di YouTube Usiamo YouTube per gestire contenuti extra che possono impostare cookie sul tuo dispositivo e raccogliere dati sulla tua attività. Si prega di rivedere i loro dettagli e accettarli per caricare il contenuto. Gestisci preferenze


Realtà o finzione? L'ingiusta realtà di un capro espiatorio - Storia


Il nome della squadra del campionato è davvero Hickory High Huskers?
No. La squadra del campionato su cui si basa la vera storia degli Hoosiers sono in realtà i Milan High School Indians. Non esiste una città di Hickory nell'Indiana.

interpretato da Gene Hackman che aveva 55 anni quando il film è stato girato. Lo sceneggiatore Angelo Pizzo ha detto quanto segue a proposito di mantenere l'allenatore nel film alla stessa età della sua controparte nella vita reale: "L'ho scritto in quel modo e il film non ha funzionato. Se avesse fallito, aveva ancora il resto della sua vita. Sono tornato indietro e ho invecchiato il personaggio, un ragazzo con un'ultima possibilità". Al momento del campionato vero e proprio, l'allenatore Marvin Wood si era appena laureato alla Butler University, dove giocava sia a baseball che a basket. A Butler, Marvin ha giocato in due squadre del campionato Hoosier Classic (1947-48 e 1948-49) quando Butler ha sconfitto sia Indiana che Purdue nello stesso torneo.

L'allenatore è stato davvero assunto per sostituire un ex allenatore che era morto?
No. Nel film, l'allenatore Norman Dale viene assunto per sostituire un noto allenatore che muore. Il giocatore di punta della squadra, Jimmy Chitwood, si rifiuta di giocare per una parte della stagione perché è così sconvolto. Nella vita reale, l'allenatore Marvin Wood è stato assunto la stagione precedente per sostituire l'allenatore Herman "Snort" Grinstead, che è stato licenziato per aver ordinato nuove uniformi contro gli ordini del sovrintendente. In un'intervista su ESPN, Bobby Plump (il vero Jimmy Chitwood) ha affermato che Coach Grinstead è stato "l'allenatore più popolare nella storia del Milan".

Era davvero la prima stagione del Mister con la squadra?
No. Come detto sopra, era la seconda stagione di Coach Wood con i Milan Indians. In realtà li ha portati in semifinale l'anno precedente. Durante il suo secondo anno, che è quello che descrive il film, la città non era più scettica sulle sue nuove strategie di attacco e difesa. La città era dietro di lui. Questo è l'opposto di quanto mostrato nel film, dove si tiene un referendum comunitario per determinare il destino dell'allenatore.

Il fuoriclasse della squadra ha davvero saltato metà della stagione, sconvolto per la morte del precedente allenatore?
No. La star del basket dei Milan Indians, Bobby Plump, ha giocato tutta la stagione. Anche se l'ex allenatore era ben voluto, non ha tenuto il broncio per il licenziamento (non la morte) del precedente allenatore, Herman "Snort" Grinstead.

Si è davvero sviluppata una storia d'amore tra l'allenatore e un insegnante?
No. Nel film Hoosiers, si forma una storia d'amore in erba tra l'allenatore Norman Dale (Gene Hackman) e l'insegnante Myra Fleener (Barbara Hershey). Nella vita reale, l'allenatore Marvin Wood era sposato con due figli (foto a sinistra). Non era coinvolto sentimentalmente con un insegnante della scuola. La moglie di Coach Wood, Mary Lou, spesso si preoccupava ad alta voce: "Se io e un basket venissimo piazzati a metà campo, quale sceglierebbe?" Rick Paridaen, un amico di famiglia, crede che la risposta sarebbe stata facilmente Mary Lou, il vero amore della vita di Marvin. La storia d'amore del film è stata un elemento di finzione aggiunto dallo sceneggiatore Angelo Pizzo, il cui altro lavoro include la sceneggiatura per il dramma calcistico del 1993 Rudy , anch'esso tratto da una storia vera.

Il personaggio di Dennis Hopper era basato su un vero assistente allenatore?
No. Il personaggio di "Shooter" interpretato da Dennis Hopper, che è l'ubriacone della città e padre di uno dei giocatori, è interamente fittizio. È un po' ironico (o forse non così ironico) che questa performance basata sulla finzione abbia portato a una nomination all'Oscar per Hopper, che è stata l'unica nomination per la recitazione che il film ha ricevuto (felpe è stato anche nominato per la migliore colonna sonora originale). Nella vita reale, Marc Combs e Clarence Kelly erano gli assistenti allenatori. Nessuno dei due era ubriaco.

Il vero allenatore indossava camicia e cravatta per allenarsi?
No. Nel film, Coach Dale di Gene Hackman è un intransigente che esegue le sue esercitazioni in camicia e cravatta. L'allenatore Marvin Wood era molto più pacato e spesso si adattava e giocava con la squadra durante gli allenamenti.

L'allenatore della vita reale era stato precedentemente licenziato dall'allenatore per aver preso a pugni uno dei suoi giocatori?
No. Il coach Dale un po' volubile nel film era stato licenziato dall'allenatore a livello collegiale per aver preso a pugni uno dei suoi giocatori. Nella vita reale, l'allenatore Marvin Wood non era mai stato licenziato per aver preso a pugni un giocatore. Lo sceneggiatore Angelo Pizzo ha basato lo schietto Coach Dale di Gene Hackman in parte sul leggendario allenatore dell'Università dell'Indiana, Bobby Knight. "Mi chiedevo cosa sarebbe successo se Knight avesse preso a pugni un giocatore", dice Pizzo. Molti che conoscevano il vero allenatore hanno affermato che l'allenatore Marvin Wood era molto più pacato della sua controparte sullo schermo. Coach Wood diceva spesso della sua squadra di campionato: "Dio stava allenando quella squadra, non io".

La vera scuola era così piccola da poter schierare solo sei giocatori per la squadra?
Non del tutto. Simile alla finzione Hickory High nel film, è vero che c'erano solo 161 studenti iscritti alla scuola reale (Milan High). Tuttavia, a differenza del film, 58 dei 73 ragazzi della scuola hanno provato per la squadra di basket. Nel 1954 nel Milan c'erano 10 giocatori, non sei.

L'allenatore nella vita reale ha praticato la filosofia dei quattro passaggi prima di un tiro?
No. felpe lo sceneggiatore Angelo Pizzo ha basato questo elemento immaginario sull'allenatore dell'Università dell'Indiana, Bobby Knight. "Ho utilizzato la filosofia offensiva di Knight: quattro passaggi prima di un tiro", afferma Pizzo.

Il manager della squadra ha davvero segnato due tiri liberi per vincere una partita in semifinale?
No. Il film mostra il manager della squadra, "Ollie", che entra in campo per tirare due tiri liberi e vincere una semifinale. L'allenatore del Milan, Oliver Jones, è rimasto in disparte e non ha mai tirato canestri vincenti. L'unica vera somiglianza con il personaggio del film è il nome.

Davvero il Milan ha vinto tutte le partite del torneo con un secondo colpo finale?
No. Nel film, Hickory squittisce a malapena dai suoi avversari nel torneo statale, vincendo ogni partita con un colpo dell'ultimo secondo. Nella vita reale, il Milan ha vinto sette delle sue prime otto partite del torneo con un margine a doppia cifra. Il record del torneo del 1954 del Milan è pubblicato di seguito. Erano 19-2 nella stagione regolare.

Nella vita reale, l'allenatore ha davvero misurato l'altezza del cerchio dove si sarebbero giocate le finali statali?
Sì. L'allenatore Marvin Wood misurò l'altezza del canestro all'enorme Hinkle Field House della Butler University, dove si giocarono le finali statali del 1954 (e dove lo stesso Wood giocò al college). Coach Wood ha fatto questo per "scacciare la loro paura" illustrando ai suoi giocatori che sebbene la casa del campo fosse molto più grande della palestra della loro città natale, tutto ciò che riguardava il basket era lo stesso. Il Rev. Daniel Motto ha parlato di questo momento al funerale di Wood nell'ottobre del 1999, dicendo che quando ha visto questa scena nel film felpe, fu allora che si rese conto che il film era veramente ispirato da Wood.

Le scene di gioco finali del film sono state girate nella vera casa sul campo?
Sì. Le scene del gioco finale del film sono state girate alla Hinkle Field House della Butler University, dove si sono svolti gli eventi della vita reale dietro la vera storia degli Hoosier. I realizzatori non sono riusciti a trovare abbastanza comparse per riempire la casa del campo. Pertanto, per dare alla grande arena l'aspetto di piena, è stato necessario spostare 1.000 comparse all'interno dell'arena. Riempire Hinkle Field House non è stato un problema per il gioco del 1954. L'arena era piena fino alle travi e all'esterno venivano scalpellati biglietti per un massimo di cinquanta dollari.

L'annunciatore del gioco finale del film è il vero presentatore del 1954?
Sì. L'annunciatore della partita di campionato nel film, Hillard Gates, è l'annunciatore della vita reale che ha fatto la partita di campionato del 1954.

La squadra ha davvero vinto il campionato nel 1952, spuntando dal nulla?
No. Nel film Hoosiers, gli Hickory Huskers emergono dal nulla per vincere il titolo. Nella vita reale, i Milan Indians vinsero il titolo nel 1954 e non nel 1952, con un record di 19-2 nella regular season. Gli indiani erano arrivati ​​alle semifinali del torneo statale l'anno prima, dopo la stagione regolare 1952-53. Tuttavia, erano spesso considerati perdenti a causa delle loro piccole dimensioni della scuola di 161 studenti.

La partita di campionato è stata vinta 42-40 contro i South Bend Central Bears?
No. La vera partita di campionato è stata vinta 32-30 contro i Muncie Central Bearcats. Come South Bend dal film, i Muncie Central Bearcats erano una squadra potente di una scuola molto più grande.

Quanto della partita di campionato giocata nel film è accurato?
Non tanto. Nella vita reale, Coach Wood ha ordinato uno stallo due volte durante l'ultimo trimestre. Il fuoriclasse del Milan, Bobby Plump, ha letteralmente tenuto palla, senza muoversi, per 4 minuti, 13 secondi, prima di tirare (e sbagliare) a pochi minuti dal termine. Al successivo possesso palla del Milan, Plump è rimasto fermo con la palla mentre il tempo passava da 1:18 a 0:18. Nel 1987, la star del Milan Bobby Plump disse al Post del sabato sera, "Gli ultimi 18 secondi sono stati l'unica cosa concreta nel film sulla partita Milan-Centrale. Dal momento in cui la palla è entrata in campo dopo il timeout finale, il film è stato accurato". Questo include il colpo elettrizzante di Plumps.

Il fuoriclasse ha davvero convinto l'allenatore a fare il colpo finale?
No. Durante il timeout finale, con il punteggio in parità verso la fine del film, il giocatore di punta di Hickory, Jimmy Chitwood (Maris Valainis), viene detto dall'allenatore che sarà un'esca mentre la squadra gestisce il suo "steccato". giocare, dove un compagno di squadra tirerà l'ultimo colpo. Il compagno di squadra, che è incerto di sé, guarda Jimmy, spingendo Jimmy a dire con fiducia al suo allenatore: "Ce la farò". In realtà, Coach Wood ha detto a Bobby Plump di fare sempre il colpo finale. "Ero un bambino molto timido", ha detto Bobby Plump al Washington Post nel 1995. "Non avrei mai detto, 'Ce la farò.' " Nella foto a sinistra c'è una foto del famoso scatto di Plump che passa attraverso il canestro alla Hinkle Field House.

Cos'è esattamente un Hoosier?
Hoosiers è il soprannome delle squadre di atletica dell'Università dell'Indiana. Il dizionario di Webster definisce la parola Hoosier come "un nativo o abitante dell'Indiana". Nel 1919, lo storico J.P. Dunn rivelò che la parola Hoosier derivava dal termine dialettale di Cumberland hoozer, che significa qualcosa di grande o grande, letteralmente una grande collina. Questa origine è citata in Webster's, ma alcuni credono che sia falsa, dal momento che Hoozer non è apparso in un elenco di parole dialettali del Cumberland fino al 1899. Questo è molto dopo il primo uso registrato della parola Hoosier negli Stati Uniti.Nel 1826, la parola Hoosier appare nell'edizione del 2 giugno del Chicago Tribune: "Gli hoosiers dell'Indiana che sono usciti lo scorso autunno sono regolati da 2 a 4 miti [sic] di noi". Questo primo utilizzo suggerisce che il termine potrebbe essere stato usato per descrivere un bifolco rurale non istruito, un rustico. La parola è stata successivamente adattata per indicare qualcuno dello stato dell'Indiana. In Europa, il film è stato rinominato Miglior tiro, perché la maggior parte degli europei non era a conoscenza della parola Hoosier e della sua relazione con l'Indiana e l'atletica dell'Indiana.

Chi è stata la scelta originale dei produttori per interpretare l'allenatore Norman Dale?
La scelta originale per Norman Dale era Jack Nicholson. Si è tirato indietro a causa di un conflitto di programmazione, dicendo ai produttori che se non fossero riusciti a trovare un altro attore per interpretare Dale, lo avrebbe fatto l'anno successivo. Anche Robert Duvall ha lasciato il ruolo di Coach Dale. Gene Hackman è quindi intervenuto per assumere il ruolo.

Tutti gli attori della squadra avevano esperienza di basket al liceo?
Non proprio. Sorprendentemente, l'attore Maris Valainis, che ha interpretato il protagonista del film, Jimmy Chitwood, era l'unico attore della squadra di Hickory che non aveva giocato a basket al liceo. Valainis era solo 5 piedi e 6 da adolescente, e per tre anni di fila è stato tagliato fuori dalla sua squadra di basket del liceo. Per la scena in cui il suo personaggio Jimmy tira a canestro mentre ascolta Coach Dale (Gene Hackman), Maris Valainis ha detto che "non lo stava nemmeno ascoltando. Mi stavo solo concentrando sul farli e ne ho fatto uno e hanno continuato ad andare ." Oggi, il felpe attore è un professionista di golf al Rancho San Joaquin Golf Course a Irvine, in California. Ha 1 handicap.

Che fine ha fatto il Mister dopo aver vinto lo scudetto?
Marvin Wood ha continuato ad allenare il basket fino al 1999, anno della sua morte. Al momento delle sue dimissioni, il 70enne Wood era stato impegnato ad allenare la squadra di basket di seconda media di sua nipote. Si fermò dopo aver appreso che il cancro alle ossa, che era in remissione da più di sette anni, era tornato. Wood lascia la moglie Mary Lou, la figlia Deidra e tre nipoti. È stato eletto nell'Indiana Basketball Hall of Fame nel 1971.

Che ne è stato della stella del Milan Bobby Plump?
Dopo il liceo, la star milanese Bobby Plump (Jimmy Chitwood nel film) ha giocato a basket per la Butler University, dove è diventato vincitore di 4 anni di lettere, MVP nei suoi anni junior e senior e uno dei migliori tiratori di tiro libero della NCAA di tutti- tempo. Dopo la laurea, ha giocato tre anni per la Phillips 66 della National Industrial Basketball League. Plump alla fine ha intrapreso una carriera gestendo un'attività di assicurazione sulla vita e consulenza finanziaria per quasi quarant'anni. Ha aperto un ristorante chiamato Plump's Last Shot, situato nella zona di Broad Ripple a Indianapolis. È pieno di cimeli della squadra del campionato statale del 1954. Il suo libro, L'ultimo degli eroi della piccola città , è stato pubblicato nel 1997. È disponibile sulla destra.

Qualche membro del team originale ha avuto dei cameo nel film? felpe?
Sì. 1954 Milan Indian Guard, Ray Craft, ha due cameo nel film. È la persona che saluta gli Hickory Huskers quando arrivano alle finali statali. È anche la persona che dice a Coach Dale (Gene Hackman) prima della finale di stato, che è ora che la sua squadra scenda in campo. Nella vita reale, Ray è cresciuto fino a diventare l'assistente commissario dell'Indiana High School Athletic Association.

Perché è stata iniettata così tanta finzione nel film Hoosiers?
Lo sceneggiatore di Hoosiers Angelo Pizzo ha riassunto la pesante dose di finzione del film dicendo che il dramma aggiunto era necessario, "perché le loro vite non erano abbastanza drammatiche. I ragazzi erano troppo gentili, la squadra non aveva un vero conflitto". Angelo Pizzo è un nativo di Bloomington, Indiana e compagno di stanza del college di un altro indiano e felpe regista David Anspaugh. I due avevano spesso parlato di fare un film "sul significato del basket per le persone in Indiana".


Foto della squadra dei Milan Indians del 1954:
La foto sotto si apre in una finestra separata. Il testo seguente identifica gli individui nella foto della squadra. Prima fila, da sinistra: il team manager Oliver Jones cheerleaders Marjorie Ent, Virginia Voss e Patty Bohlke e il team manager Fred Busching. Fila centrale: assistente allenatore Clarence Kelly, Roger Schroder, Bill Jordan, Gene White, Bobby Plump, Ken Delap, Ray Craft, Coach Marvin Wood. Fila superiore: preside Cale Hudson, assistente allenatore Marc Combs, Ken Wendlman, Bob Wichman, Ronnie Truitt, Glenn Butte, Rollin Cutter, Bob Engle, sovrintendente Willard Green.


Chicago 8: dove sono adesso?

Rennie Davis: Ora 80enne, Davis ha fondato la Foundation for a New Humanity, un progetto con sede in Colorado per sviluppare un piano completo per un nuovo modo di vivere. Sposato, vive a Boerthoud, in Colorado, e si occupa anche di crescita personale.

David Dellinger: Dellinger è morto nel 2004 a 88 anni. Il più anziano degli imputati di Chicago di 20 anni, è stato uno dei principali organizzatori contro la guerra negli anni '60. Dellinger ha scritto Da Yale al carcere: la storia di un dissidente morale.

John Froines: A 81 anni, Froines è professore emerito alla UCLA Fielding School of Public Health con una specializzazione in chimica, compresa la valutazione dell'esposizione, l'igiene industriale e la tossicologia. È stato anche direttore di una divisione dell'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro .

Tom Hayden: Hayden è morto nel 2016 all'età di 76 anni. Leader nei diritti civili e nei movimenti contro la guerra americani, è entrato nella politica principale e ha prestato servizio nell'Assemblea dello Stato della California per un decennio e nel Senato dello Stato della California per otto anni. Ha insegnato all'Occidental College e all'Institute of Politics di Harvard. Autore di 17 libri, è stato anche direttore del Peace and Justice Resource Center nella contea di Los Angeles. Hayden si è sposato tre volte, ma la sua unione di più alto profilo è stata con l'attrice e collega attivista Jane Fonda per 17 anni.

Abbie Hoffman: Dopo aver trascorso anni sottoterra, Hoffman è riemerso nel 1980, ha tenuto conferenze nei college e ha lavorato come comico e organizzatore di comunità. È morto nel 1989 a 52 anni per un'overdose di barbiturici autoinflitta a causa della depressione maniacale.

Jerry Rubin: Rubin ha continuato a lavorare a Wall Street e ha ospitato eventi di networking per giovani professionisti a Manhattan. Morì nel 1994 a 56 anni dopo essere stato investito da un'auto vicino alla sua casa di Brentwood, in California.

Bobby Seale: A 83 anni, Seale risiede a Liberty, in Texas. Nel 1973, Seale si candidò a sindaco di Oakland, in California, e arrivò secondo su nove candidati. Ben presto si stancò della politica e si dedicò alla scrittura, alla produzione Una rabbia solitaria nel 1978 e un libro di cucina dal titolo Barbecue con Bobby nel 1987.

Lee Weiner: Ora 81, Weiner ha scritto di recente Conspiracy to Riot: la vita e i tempi di uno dei Chicago 7, un libro di memorie sulla Convenzione Nazionale Democratica del 1968. Negli anni successivi al processo, Weiner ha lavorato per l'Anti-Defamation League di B'nai B'rith a New York e ha partecipato a proteste per gli ebrei russi e a maggiori finanziamenti per la ricerca sull'AIDS. Ha anche lavorato come vicepresidente per la risposta diretta al Fondazione AmeriCares. Risiede nel Connecticut.


Il Mauritano (2021)

Il Mauritano la storia vera conferma che Slahi è stato arrestato due mesi dopo l'11 settembre nella sua terra natale, la Mauritania, e portato in tre paesi diversi prima di essere inviato al campo di detenzione di Guantanamo Bay (Gitmo) a causa dei suoi passati legami con al-Qaeda. Nel dicembre del 1990, Slahi si era recato dalla Germania (dove aveva frequentato il college grazie a una borsa di studio che aveva vinto) in Afghanistan per aiutare i mujaheddin nel loro tentativo di rovesciare il regime comunista di Mohammad Najibullah. Nonostante fossero visti oggi come il nemico, gli Stati Uniti avevano sostenuto i ribelli mujaheddin antisovietici nella loro insurrezione contro Najibullah. I ribelli sono stati persino ritratti come i buoni nella trama di Rambo 3.

Per prepararsi a combattere a fianco degli afgani per aiutarli a raggiungere l'indipendenza, Slahi ha partecipato a un campo di addestramento militare gestito da al-Qaeda e ha giurato fedeltà all'organizzazione nel marzo 1991. Gli Stati Uniti avevano appoggiato al-Qaeda nella loro lotta contro Najibullah. Alla fine della sua formazione, tornò in Germania e all'epoca non partecipò alla guerra civile. Alla fine tornò in Afghanistan per due mesi nel 1992, unendosi a una batteria di mortai sei settimane prima della caduta del regime di Najibullah. Afferma che fu allora che tagliò tutti i legami con al-Qaeda.

Mohamedou Slahi ha mai rivisto sua madre?

Quali prove di intelligence aveva il governo degli Stati Uniti su Mohamedou Ould Slahi?

Oltre all'addestramento con al-Qaeda nei primi anni '90, c'erano una serie di altre bandiere rosse che hanno portato alla detenzione di Mohamedou Ould Slahi a Guantanamo Bay. Hanno incluso quanto segue:

  • Il cugino di Slahi ed ex cognato Mahfouz Ould al-Walid (alias Abu Hafs al-Mauritania) era un consigliere spirituale di Osama bin Laden, il fondatore di al-Qaeda. al-Walid era anche membro del consiglio della shura di al-Qaeda ed era responsabile del consiglio della sharia. Tuttavia, scrisse una lettera a bin Laden opponendosi agli attacchi dell'11 settembre e si separò da al-Qaeda dopo l'11 settembre. Alla fine degli anni '90, al-Walid aveva chiesto due volte a suo cugino, Mohamedou Ould Slahi, di aiutarlo a portare circa $ 4.000 alla sua famiglia in Mauritania per aiutare il padre malato. Prima del secondo trasferimento di denaro, avvenuto nel dicembre 1998, Slahi fu sentito dall'intelligence statunitense parlare con al-Walid su un telefono satellitare che apparteneva a bin Laden (o a un suo stretto collaboratore). Il governo degli Stati Uniti ha poi concluso che i trasferimenti di denaro erano stati effettuati per conto di al-Qaeda a sostegno del terrorismo all'estero.
  • Il rapporto della Commissione sull'11 settembre concluse che, nel 1999, Slahi aveva consigliato tre membri di una cellula islamista radicale in Germania, conosciuta come la cellula di Amburgo. Sulla base degli interrogatori di Ramzi bin al-Shibh, il rapporto ha rilevato che Slahi aveva detto agli uomini di andare in Afghanistan per l'addestramento prima di scatenare la jihad in Cecenia. Tuttavia, nel 2010, la corte distrettuale federale che ha esaminato il caso di Slahi ha concluso che Slahi aveva semplicemente "fornito alloggio a tre uomini per una notte nella sua casa in Germania [nel novembre 1999], che uno di loro era Ramzi bin al-Shibh, e che si è discusso della jihad e dell'Afghanistan". Ramzi bin al-Shibh è stato successivamente accusato di essere un "facilitatore chiave per gli attacchi dell'11 settembre".
  • Dopo che il suo visto per frequentare il college con una borsa di studio in Germania era scaduto e le autorità per l'immigrazione non lo avrebbero esteso, Slahi si è trasferito a Montreal, Quebec, Canada nel novembre 1999. Ha frequentato una grande moschea lì, e poiché era un hafiz (una persona che ha completamente memorizzato il Quaran), è stato invitato dall'Iman a guidare le preghiere durante il Ramadan. Un uomo di nome Ahmed Ressam ha frequentato la stessa moschea e nel dicembre 1999 Ressam è stato arrestato con esplosivo mentre attraversava il Canada e gli Stati Uniti. confine, che dovevano essere utilizzati come parte del complotto di attacco del 2000 millennio che includeva il bombardamento dell'aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX) alla vigilia di Capodanno. Nonostante non avessero prove che dimostrassero che i due uomini si conoscevano, l'intelligence americana credeva che Slahi fosse andato a Montreal per attivare Ressam.

È vero che nessuna accusa è mai stata presentata contro Mohamedou Ould Slahi?

Sì. Nel tentativo di rispondere alla domanda: "Quanto è accurato? Il Mauritano?" abbiamo confermato che nessuna accusa era mai stata presentata contro Slahi, nonostante abbia trascorso più di 14 anni nel campo di detenzione di Guantanamo Bay. -Vanity Fair

La tortura ha fatto confessare a Mohamedou Slahi cose che non ha fatto?

il mauritano il fact-check rivela che questo è ciò che il vero Mohamedou Slahi ha affermato in una lettera del 2006 ai suoi avvocati, affermando che tutte le sue confessioni erano il risultato diretto della tortura. Ha detto che chiedergli di raccontare tutto quello che ha detto durante i sette anni di interrogatori sarebbe "come chiedere a Charlie Sheen quante donne ha frequentato". Slahi ha discusso delle presunte confessioni forzate con NPR nel 2018, "Ho detto alle persone prima che mi torturassero, per favore, non torturarmi. Non ho fatto niente. Poi quando mi hanno torturato, ho detto loro tutto quello che volevano sentire . Ho firmato la confessione. Questo è tutto. Mi arrendo molto. " Slahi è stato uno dei pochi detenuti di Guantanamo che i funzionari del governo degli Stati Uniti in seguito hanno riconosciuto essere stati torturati.

La tortura che vediamo nel film è fedele a ciò che ha descritto il vero Mohamedou Slahi?

Per la maggior parte, sì. Slahi afferma di aver subito una varietà di tecniche di interrogatorio, tra cui privazione del sonno, rumore estremo, isolamento, freddo intenso, umiliazione sessuale, percosse, posizioni stressanti, finto annegamento, waterboarding e minacce di mettere sua madre a Guantanamo. In un caso, è stato bendato e portato in mare e gli è stato fatto credere che sarebbe stato giustiziato. Vediamo alcuni di questi interrogatori estremi durante il mauritanoIl culmine, una sequenza estenuante di indicibile violenza. Sebbene sia importante rivelare esattamente cosa è successo a Slahi, questa sequenza sembra più abbellita che vera. Ciò potrebbe essere in parte dovuto al fatto che il film a volte sembra trattare Slahi come sostituto di tutti i prigionieri di Guantanamo.

Quando è stata coinvolta l'avvocato Nancy Hollander nel caso di Mohamedou Ould Slahi?

Come nel film, Il Mauritano la storia vera conferma che Nancy Hollander (interpretata da Jodie Foster nel film) non è stata coinvolta nel caso di Mohamedou Ould Slahi fino al 2005, quattro anni dopo il suo arresto. La sua famiglia l'aveva contattata per chiedere aiuto.

Jodie Foster interpreta Nancy Hollander in modo accurato?

Non esattamente. Foster ha detto a Hollander all'inizio che non l'avrebbe imitata. Durante una discussione MPAC, Foster ha detto che ha cambiato alcune cose durante la creazione del personaggio. "L'ho resa un po' meno educata", dice Foster. "La mia Nancy è un po' più rude della vera Nancy. La vera Nancy è davvero adorabile."

Mohamedou Ould Slahi ha imparato in parte l'inglese guardando? Il grande Lebowski ancora ed ancora?

Il buon amico di Stuart Couch era un pilota di uno degli aerei che hanno colpito il World Trade Center l'11 settembre?

Sì. Nel film, il procuratore dei marines, il tenente colonnello Stuart Couch (Benedict Cumberbatch) ha una motivazione personale per chiedere la pena di morte nel caso di Slahi a causa del fatto che il buon amico di Couch era un pilota su uno degli aerei dirottati che hanno colpito il World Trade Centro. Questo è vero. Couch era un buon amico del pilota della United Airlines Michael Horrocks, che era un copilota del volo 175, il secondo aereo che è stato portato nel World Trade Center.

Slahi è rimasto a Guantanamo per sette anni dopo che Nancy Hollander gli ha ottenuto la libertà?

Sì. Col passare del tempo, le prove circostanziali contro Slahi sono state ampiamente smentite da Nancy Hollander e dal suo team di avvocati, tra cui Teri Duncan (interpretata da Shailene Woodley). Nel 2010, Slahi ha testimoniato tramite video alla sua udienza di habeas corpus (un'udienza per determinare se la sua detenzione fosse legale). Ha scoperto per posta che ha vinto. Tuttavia, nonostante abbia vinto una sentenza di detenzione illegale (basata sulla mancanza di prove e accuse), il governo ha trascinato i piedi e non si è mai preso la briga di verificare le conclusioni di Hollander. Come ci è stato detto durante i titoli di coda del film, il governo degli Stati Uniti ha detenuto Slahi per altri sette anni.

Mohamedou Ould Slahi era tanto un burlone come è stato ritratto in? Il Mauritano film?

Mohamedou Ould Slahi ha scritto le sue memorie mentre era nella prigione di Guantanamo Bay?

Sì. il mauritano è stato adattato dal libro di memorie di Slahi, intitolato Diario di Guantanamo, che ha iniziato a scrivere nel 2005 e terminato nel 2006, mentre era in prigione. È stato pubblicato nel 2015 mentre era ancora detenuto senza accuse. Ogni pagina del memoriale doveva essere approvata dalla censura militare e vi furono numerose redazioni. Ha anche scritto altri quattro libri mentre era a Gitmo, ma al momento dell'uscita del film, il governo degli Stati Uniti non gli aveva dato accesso ad essi.

Il procuratore della Marina, il tenente colonnello Stuart Couch, alla fine si è ritirato dal caso dopo aver appreso come gli inquirenti hanno trattato Slahi?

Sì. Dopo aver scoperto i dettagli violenti degli interrogatori di Mohamedou Ould Slahi, il tenente colonnello Stuart Couch (interpretato da Benedict Cumberbatch nel film) si ritirò dal caso nel maggio 2004. All'epoca disse che non stava affermando che Slahi fosse innocente di tutte le accuse e credeva che Slahi avesse le mani sporche di sangue, ma le prove ottenute non potevano essere credute a causa dei metodi utilizzati per recuperarle, oltre al fatto che non sono state confermate in modo indipendente. -La nazione

Il personaggio di Zachary Levi, Neil Buckland, è basato su una persona reale?

No. Non abbiamo trovato prove di un agente federale di nome Neil Buckland, né è menzionato nel libro di Mohamedou Ould Slahi Diario di Guantanamo. Come ha indicato l'attore Zachary Levi in ​​un'intervista, Neil Buckland è un amalgama di tutte le persone che hanno reagito per paura dopo l'11 settembre. Nel film, Buckland sta affrontando il proprio trauma dell'11 settembre, il che lo rende riluttante a fornire al suo amico Stuart Couch (Benedict Cumberbatch) le informazioni di cui ha bisogno. "Sono rappresentativo di molta della paura negli americani in particolare in quel periodo", ha detto Zachary Levi del suo personaggio, "e penso che sia una parte molto importante della storia, ovviamente. Le persone non si limitano a comportarsi male , non credo, si comportano male per la loro paura, per la loro rabbia, e questo doveva essere ben rappresentato, credo in questo film... Penso che Neil sia il nostro delegato per questo".

Da quanto tempo Mohamedou Ould Slahi era imprigionato a Guantanamo Bay?

Come si sente il vero Mohamedou Ould Slahi riguardo al film?

"Non credo nella violenza, ma tutta la mia storia è stata violenza contro il mio corpo, la mia innocenza, i membri della mia famiglia e non ho mai fatto nulla agli Stati Uniti", ha detto Slahi. "Il mio film è una vittoria della nonviolenza, è una vittoria della penna". Cinque anni dopo il suo rilascio, a Slahi continua a essere negato l'ingresso negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Non ha ricevuto scuse per la sua incarcerazione. -BBC

In un 2017 60 minuti intervista dopo il suo rilascio, Slahi ha detto che "con tutto il cuore [perdona] tutti coloro che gli hanno fatto torto durante la [sua] detenzione".

Mohamedou Ould Slahi ha partecipato alla realizzazione di? Il Mauritano film?

Sì. Non solo il film è basato sulle sue memorie Diario di Guantanamo, Slahi ha fornito input sul set sudafricano del film, che aveva segnato la prima volta che aveva lasciato la sua terra natale, la Mauritania, da quando era stato rilasciato da Gitmo. Ha passato del tempo con l'attore
Tahar Rahim, che lo ritrae sullo schermo, aiutando Rahim a comprendere le sue esperienze e a mettere giù i suoi manierismi e il suo senso dell'umorismo.

Mentre esplori la vera storia dietro Il Mauritano, abbiamo scoperto che Benedict Cumberbatch è stato in grado di incontrare la controparte nella vita reale del suo personaggio, Stuart Couch, un pubblico ministero dei Marines all'epoca che in seguito è diventato un giudice dell'immigrazione nella Carolina del Nord.Sebbene Couch fosse un po' diffidente su come sarebbe stato interpretato, Cumberbatch ha finito per prenderlo in simpatia nonostante fosse dal lato opposto dello spettro politico. Jodie Foster ha anche parlato con la vera Nancy Hollander, che l'ha aiutata a perfezionare il suo ruolo di avvocato di Slahi. Hollander si è anche unito a Slahi sul set di Cape Town, in Sudafrica. -Vanity Fair

Come sono stati in grado di ricreare il campo di detenzione di Guantanamo Bay per il film?

Sebbene ci siano poche informazioni ufficiali sul campo di detenzione, il vero Mohamedou Ould Slahi ha aiutato i realizzatori a ricreare Gitmo. Ha fornito descrizioni dettagliate del suo isolamento. Dopo aver percorso le celle, ha usato il suo corpo per fornire ai realizzatori misurazioni dettagliate delle piccole gabbie e delle celle in cui era tenuto. La produzione si è basata anche sulle foto dell'agenzia di Gitmo, nonché sulle immagini che i soldati che erano di stanza lì hanno condiviso online. Gitmo è stato replicato in set compositi costruiti da ingegneri dell'esercito a Cape Town, in Sudafrica.

Jodie Foster crede che i prigionieri del campo di detenzione di Guantanamo dovrebbero essere rilasciati?

"Ma ci sono persone a Guantanamo che sono colpevoli di crimini", ha riconosciuto Foster. "E come dice Nancy Hollander, dovrebbero essere processati in un tribunale. E nessuno sta dicendo che, sai, tutti dovrebbero correre liberi e che non c'è motivo di aver mai arrestato qualcuno che è venuto a Guantanamo. Ma quando sai che qualcuno non è colpevole e li tieni comunque, questo è certamente sbagliato."

È possibile che Mohamedou Ould Slahi sia colpevole?

Sebbene non ci siano mai state prove sufficienti per accusarlo, non si può negare che i collegamenti di Slahi con al-Qaeda fossero sospetti. Dalla ricezione di una chiamata che era stata rintracciata al telefono satellitare di Osama bin Laden, all'ospitare terroristi islamici durante la notte nella sua residenza tedesca, al viaggio in Canada e alla visita alla stessa moschea di un uomo che è stato catturato poco più di un mese dopo mentre tentava un terrorista attacco, le associazioni di Slahi e il luogo in cui si trova, sinistro o meno, di certo non hanno aiutato la sua causa.

Non sembra una coincidenza che abbia iniziato il suo manoscritto nel 2005, lo stesso anno in cui l'avvocato Nancy Hollander ha preso il suo caso (il manoscritto non è stato pubblicato fino al 2015, in parte perché ogni pagina doveva essere approvata dai militari). Innocente o colpevole, un libro di memorie che lo metta in gran parte sotto una luce positiva e proclami la sua innocenza potrebbe aiutare in modo significativo a portare il pubblico dalla sua parte e aumentare la consapevolezza intorno al suo caso. Sembra che il suo avvocato, Hollander, gli abbia incaricato di scriverlo (in effetti, ha affermato che il libro è iniziato come una serie di lettere che ha scritto ai suoi avvocati, tra cui Nancy Hollander e Teri Duncan, che poi gli hanno detto che dovrebbe essere un prenotare). Il libro di memorie di Slahi è diventato un bestseller internazionale dopo essere stato pubblicato nel gennaio 2015. Il Comitato di revisione periodica ha approvato il rilascio di Slahi dalla detenzione il 14 luglio 2016 ed è stato liberato il 17 ottobre 2016. -GABBIA

Alla fine, le prove sono ciò che conta, e nel caso di Mohamedou Ould Slahi, non ce n'erano abbastanza per accusarlo, figuriamoci imprigionarlo per 14 anni. Coloro che lo hanno stretto amicizia e lo hanno conosciuto da vicino, tra cui l'avvocato Nancy Hollander e la guardia a lui assegnata, Steve Wood, non solo credevano nella sua innocenza, ma mantengono ancora oggi una stretta amicizia con lui. Il Mauritano film e le persone coinvolte trovano chiaramente l'innocenza di Slahi del tutto indiscutibile. Sembra un po' una forzatura date tutte le informazioni che hanno messo Slahi sul radar del governo in primo luogo. Tuttavia, il film porta consapevolezza sul suo caso insieme ad altre ingiuste detenzioni e interrogatori che sono stati ignorati dal pubblico per troppo tempo.

Forse il miglior riassunto del caso di Slahi è stato fornito dal giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti James Robertson nella sua sentenza del 2010 che ha concesso a Slahi l'atto di habeas corpus. Nell'affrontare la mancanza di prove, Robertson ha dichiarato:

Slahi potrebbe benissimo essere stato un simpatizzante di al-Qaeda, e le prove mostrano che ha fornito un certo sostegno ad al-Qaeda, oa persone che sapeva essere al-Qaeda. Tale supporto era tuttavia sporadico e, al momento della sua cattura, inesistente. In ogni caso, ciò che lo standard approvato in Al-Bihani copre in realtà è "coloro che hanno sostenuto intenzionalmente e materialmente tali forze nelle ostilità contro i partner della coalizione statunitense". 530 F.3d a 872 (enfasi aggiunta). Le prove in questo record non possono essere estese abbastanza lontano da adattarsi a quel test.

Espandi la tua conoscenza di Il Mauritano storia vera guardando l'intervista qui sotto con il vero Mohamedou Slahi in una chat con gli attori Tahar Rahim e Jodie Foster.


10 falsi "fatti" sulla storia che tutti conoscono

Vorremmo scambiare due parole con i nostri insegnanti di quinta elementare. Com'è possibile che così tanti adulti presumibilmente istruiti credono ancora che Benjamin Franklin abbia scoperto l'elettricità quando il suo aquilone è stato colpito da un fulmine e che Colombo ha scoperto l'America mentre cercava di dimostrare che il mondo era rotondo? Non può essere perché siamo ignoranti, o creduloni, o entrambi. Meglio dare la colpa agli insegnanti di quinta elementare. Per la vergogna, signor Donnelly. Per vergogna.

Se lo sai, per certo! - che Napoleone è stato l'imperatore più basso di sempre e che Einstein ha assolutamente fallito in matematica da bambino, quindi ragazzo abbiamo alcune notizie deludenti per te. La vera verità è che pochi di noi hanno le idee chiare quando si tratta di storia. Continua a leggere per scoprire quanto ti sei sbagliato, poi esci e fai sentire i tuoi amici altrettanto stupidi! Il nostro primo fatto falso riguarda un'amata storia della storia americana.

10: Ben Franklin scopre l'elettricità facendo volare un aquilone

Lo statista americano e uomo del Rinascimento Benjamin Franklin era un risolutore compulsivo di problemi. Tra le sue molte invenzioni c'erano le rudimentali "pinne per il nuoto" - cuscinetti simili a guanti indossati sulle mani per aumentare la velocità. E poi ci sono le sue famose lenti bifocali, una soluzione semplice per portare in giro due paia di occhiali [fonte: PBS].

Ma una cosa che sicuramente non ha scoperto è stata l'elettricità. L'elettricità era un fenomeno noto ai tempi di Franklin, anche se non completamente compreso. Franklin credeva che la corrente elettrica fosse un "fluido" che andava da un corpo all'altro e che il fulmine fosse semplicemente una forma più drammatica di elettricità statica [fonte: Avril].

Franklin ha davvero testato le sue teorie facendo volare un aquilone durante un temporale? Nessuno è sicuro. Sappiamo che pubblicò i suoi diagrammi rivoluzionari per un parafulmine nel maggio 1752, un mese prima della sua presunta fuga con gli aquiloni [fonte: Avril]. La fonte principale della storia dell'aquilone è l'amico di Franklin, lo scienziato Joseph Priestley, che ne scrisse 15 anni dopo [fonte: USHistory.org].

Da lì, il racconto ha preso vita, rappresentato nei dipinti e sigillato nella tradizione americana. In nessuna versione della storia, tuttavia, l'aquilone di Franklin fu effettivamente colpito da un fulmine. Ciò avrebbe portato a Franklin fritto di pollo [fonte: MythBusters]. Invece, quando si avvicinò una tempesta, Franklin notò che i peli sulla corda dell'aquilone si rizzavano, indicando la presenza di elettricità nell'aria. Quando ha toccato la chiave legata alla corda, ha rilasciato una bella scintilla, sigillando l'accordo [fonte: USHistory.org].

9: Van Gogh si è tagliato l'orecchio in un impeto di follia

Parte del fascino degli inestimabili dipinti impressionisti di Vincent van Gogh è la convinzione ampiamente accettata che l'artista del 19° secolo fosse una vera e propria banana delirante. Prova A: In un impeto di follia, si è tagliato l'orecchio sinistro con una lama di rasoio e ha regalato l'organo uditivo insanguinato a una prostituta francese locale. Hai bisogno di prove? Che ne dici del famoso autoritratto di van Gogh con l'orecchio bendato?

Ma nel 2009, una coppia di storici dell'arte tedeschi ha sfatato il mito del pazzo in un libro intitolato "Patto del silenzio", che afferma che l'amico e rivale di Van Gogh, Paul Gauguin, ha reciso il lobo dell'orecchio di Van Gogh con uno stocco da scherma [fonte: Kucharz]. Il libro afferma che Gauguin e van Gogh ebbero un violento litigio nel 1888, provocando l'incidente del taglio delle orecchie. Entrambi gli uomini hanno promesso di mantenere la questione tranquilla, anche se Gauguin ha inventato la storia della prostituta per far sembrare Van Gogh ancora più pazzo.

Van Gogh soffriva innegabilmente di attacchi periodici e alla fine si tolse la vita in un profondo attacco di depressione, ma era certificabile? Un microbiologo americano ha diagnosticato a van Gogh un secolo dopo la sua morte la porfiria acuta intermittente, che è un disturbo metabolico, non una malattia neurologica [fonte: Browning].

8: Riccardo III era un malvagio gobbo

Nella commedia classica di William Shakespeare "Riccardo III", il bardo ha evocato uno dei cattivi più succosi di questo lato del Joker. Non solo il Riccardo III di Shakespeare era un usurpatore omicida del trono inglese - ha soffocato i suoi due giovani nipoti prossimi alla successione - ma era anche un gobbo.

L'interpretazione immaginaria di Shakespeare del re della vita reale è stata presa in prestito pesantemente da resoconti quasi storici scritti dai Tudor, la dinastia rivale che ha rubato il trono e ucciso Riccardo III nel 1485 nella battaglia di Bosworth [fonte: Richard III Society]. Durante i suoi brevi 26 mesi sul trono, Riccardo III si dimostrò un leader capace e giusto, ma i suoi sudditi non superarono mai l'intera faccenda del "doppio omicidio di bambini" e la sua reputazione fu sigillata come un colossale idiota [fonte: Jones].

Ma era davvero un gobbo? Dopo anni di ricerca dei resti perduti di Riccardo III vicino al sito storico della Battaglia di Bosworth, il suo scheletro completamente intatto è stato miracolosamente scoperto sotto un parcheggio nel 2012 [fonte: Richard III Society]. La colonna vertebrale di Riccardo III era inconfondibilmente curva, ma ulteriori test hanno rivelato che la causa era un brutto caso di scoliosi, piuttosto che cifosi, il termine medico per avere un gobbo [fonte: Università di Leicester].

7: Colombo stava cercando di dimostrare che la Terra era rotonda

Come tutti sappiamo, tutti nell'Europa del XV secolo pensavano che il mondo fosse piatto tranne un coraggioso e brillante esploratore di origine italiana con il nome inspiegabilmente inglese di Cristoforo Colombo. E come al solito, abbiamo tutti completamente torto.

Non solo una Terra rotonda era un fatto accettato ai tempi di Colombo, ma gli antichi greci calcolavano le dimensioni della Terra sferica nel III secolo a.E.V. [fonte: Stern]. Ancora meglio, ogni antico marinaio che navigava fuori dalla propria vasca da bagno sapeva che le costellazioni si alzavano nel cielo mentre si navigava verso sud. E poi c'è l'intero fenomeno dell'eclissi lunare che mostra l'ombra inconfondibilmente curva della Terra.

Colombo non stava cercando di dimostrare che la Terra fosse rotonda quando salpò nel 1492. Stava cercando di dimostrare che navigare verso ovest era il modo più rapido per raggiungere l'Estremo Oriente e i preziosi porti delle spezie dell'India. Non solo i suoi calcoli erano favolosamente sbagliati, ma lui e il suo equipaggio sarebbero sicuramente morti se non si fossero imbattuti accidentalmente in un gruppo di isole caraibiche che Colombo credeva fosse l'India costiera. Infatti, in tutti i suoi viaggi nel Nuovo Mondo, ha continuato a pensare di aver colpito una parte dell'Asia [fonte: Royal Museums Greenwich].

Un altro factoid di Colombo: sebbene Colombo abbia messo brevemente piede a Panama durante la sua quarta spedizione verso ovest, non è mai atterrato da nessuna parte sulla terraferma nordamericana [fonte: Royal Museums Greenwich].

6: Napoleone era super corto

La maggior parte di noi non sa quasi nulla del generale francese e "temperatore a vita" Napoleone Bonaparte - un uomo la cui abilità militare e ambizione politica lo hanno reso una delle figure più potenti e temute della fine del XVIII e dell'inizio del XIX secolo - a parte il fatto che lui era uno piccola tizio. Ancora oggi, diciamo che un ragazzo basso e ipercompensato ha un "complesso di Napoleone"

Per anni, i libri di storia hanno elencato l'altezza ufficiale di Napoleone a 5 piedi e 2 pollici (1,6 metri), indiscutibilmente nel territorio "corto". Ma questo perché credevano erroneamente che un "piede" francese fosse lo stesso di un piede inglese.

Quando le misurazioni vengono convertite correttamente, Napoleon si estende a un rispettabile 5 piedi e 7 pollici (1,7 metri). Questo non gli farà ottenere un contratto NBA, ma è 2 pollici (5 centimetri) più alto dell'ex presidente francese Nicolas Sarkozy e quasi una testa sopra il primo ministro russo Dmitri Medvedev [fonte: BBC News]. In qualche modo, "Medvedev complex" non è così accattivante.

5: Lincoln ha combattuto la guerra civile per porre fine alla schiavitù

Cosa ha causato la guerra civile? Questa è una delle domande più spinose della storia americana. Ma una cosa è certa: Abraham Lincoln non ha dichiarato guerra agli stati confederati per porre fine alla pratica della schiavitù [fonte: Loewen]. Dichiarò guerra perché gli stati confederati stavano tentando di separarsi e voleva salvare gli Stati Uniti unificati.

Perché gli stati confederati volevano separarsi dall'Unione? Beh, la schiavitù per prima cosa. Aspettare . non abbiamo appena detto che la guerra civile non riguardava la schiavitù? No, abbiamo detto che Lincoln non ha combattuto la guerra civile per porre fine alla schiavitù. Il Sud era stufo delle leggi federali che limitavano il movimento dei suoi schiavi nel Nord [fonte: Lichtman]. La decisione di separarsi dall'Unione è stata quella di liberarsi dall'interferenza federale nella tratta degli schiavi.

Lasciamo che Lincoln stesso spieghi la sua motivazione per andare in guerra, come scritto in una lettera al New York Tribune nel 1862 [fonte: Loewen]:

Nelle sue convinzioni personali, ovviamente, Lincoln era fortemente contrario alla schiavitù. Quando finalmente firmò il Proclama di Emancipazione nel 1863 - tre anni dopo l'inizio della guerra - radunò le forze del Nord attorno alla causa abolizionista e diede allo sforzo bellico una dimensione morale. Questo è il motivo per cui la maggior parte di noi pensa che la guerra civile sia sempre stata combattuta per porre fine alla schiavitù, perché è esattamente quello che ha fatto.

4: I vichinghi indossavano elmi con le corna

Con la maggior parte delle falsità storiche, è difficile individuare chi abbia esattamente iniziato l'intero pasticcio frainteso. Ma questo ha un chiaro colpevole: il professor Carl Emil Doepler, il costumista per la prima produzione del ciclo epico dell'opera di Richard Wagner "Der Ring de Nibelungen" nel 1876 [fonte: The Economist]. Migliaia di allestimenti del ciclo "The Ring" in tutto il mondo hanno reso le corna l'elmo vichingo de facto.

Che aspetto avevano i veri elmi vichinghi? La verità è che non ne siamo troppo sicuri. Resti vichinghi sono stati dissotterrati in tutta la Scandinavia, ma gli archeologi hanno trovato solo un elmo, un berretto di ferro arrotondato con una protezione per il naso, ma non c'è un corno in vista. (Non mi sembra molto pratico avere un elmo con le corna, perché potrebbero impigliarsi nei rami degli alberi). Doepler potrebbe aver preso ispirazione dalle culture pre-vichinghe del Nord Europa che usavano elmi con corna o corna nei riti religiosi [fonte: History.com]. Oppure puoi dare la colpa a Elmer Fudd.

3: Einstein ha fallito in matematica da studente

Questa è una classica storia di ispirazione per ogni bambino che abbia mai ottenuto un C- in un test di moltiplicazione di terza elementare. "Sai chi ha anche lottato con i numeri, Johnny? Albert Einstein!" Certo, e anche Michael Jordan è stato tagliato dalla sua squadra di basket del liceo. Sbagliato e sbagliato.

Sì, Albert Einstein era un ritardatario - era lento nel parlare e socialmente imbarazzante - e non prendeva i voti migliori a scuola. Ha persino bocciato l'esame di ammissione alla scuola politecnica di Zurigo [fonte: History.com]. Ma non perché non sapesse fare matematica. Ha superato la sezione di matematica, ma non ha superato i requisiti di botanica, zoologia e lingua. A detta di tutti, il piccolo Al era un ingegnoso risolutore di problemi che era semplicemente annoiato a morte dalla maggior parte delle materie diverse dalla matematica.

La fonte del mito di "Einstein bocciato per la matematica" non è chiara. Tuttavia, quando gli fu mostrata l'accusa in una colonna del 1935 "Ci credi o no di Ripley", Einstein rispose: "Non ho mai fallito in matematica. Prima dei 15 anni avevo imparato il calcolo differenziale e integrale" [fonte: Isaacson].

2: Thomas Crapper ha inventato lo sciacquone

Dai, questo DEVE essere vero! Anche se non lo fosse, non possiamo essere tutti d'accordo nel continuare a dire che Thomas Crapper ha inventato lo sciacquone? Questo piccolo pseudo-fatto fa stordire i bambini di quarta elementare da secoli. Già che ci siamo, iniziamo a dire che il lecca-lecca è stato inventato da una donna svizzera di nome Ivana Lix, e l'uomo che ha inventato il catrame per sigillare i vialetti è stato il principe belga Philip de Cracken.

Sì, Thomas Crapper era un idraulico e produttore del 19° secolo il cui marchio di "water toilet" - ha guadagnato una grande popolarità nella sua nativa Inghilterra. Ma no, Mr. Crapper non ha inventato l'oggetto che cambia la vita che spesso portava il suo nome. I servizi igienici con sciacquone erano già installati nelle famiglie più raffinate quando il giovane Crapper iniziò il suo apprendistato idraulico da bambino nel 1840. E purtroppo per gli amanti dell'ironia, la parola merda è una parola del 13 ° secolo per i rifiuti, quindi era probabilmente in uso per questioni relative alla toilette prima che il signor Crapper entrasse nel business [fonte: Lienhard].

Il vero inventore dello sciacquone era probabilmente Sir John Harington, un poeta inglese del XVI secolo, traduttore, canaglia e inventore occasionale che installò uno dei suoi ingegnosi "loos" per la regina Elisabetta nel suo palazzo di campagna nel Surrey [fonte: Encyclopaedia Britannica]. Se ti sei mai chiesto perché i servizi igienici sono chiamati "johns", non meravigliarti più [fonte: Levitz].

1: Newton ha scoperto la gravità quando una mela gli è caduta in testa

Sir Isaac Newton è probabilmente il matematico e fisico più influente e follemente originale di tutti i tempi. (Da qualche parte, lui ed Einstein stanno lottando a braccio per il titolo.) Si scopre che anche l'inventore del calcolo e delle leggi fondamentali del movimento era un narratore inventivo.

Nel 1666, l'Università di Cambridge fu chiusa a causa di una piccola cosa chiamata peste, quindi Newton prese una pausa dai suoi studi e tornò alla sua casa d'infanzia nel Lincolnshire. Il primo biografo di Newton, William Stukeley, raccontò che nel 1726, quando i due stavano bevendo una tazza di tè all'ombra di un melo, Newton ricordò che era in un luogo simile 60 anni prima che "la nozione di gravitazione era entrata nella sua mente". mente."

Questo è un mucchio di intuizioni strabilianti da una mela, ma questa è la storia che Newton ha raccontato e raccontato nel corso della sua vita ad amici e colleghi. Come con la maggior parte delle buone storie (e dei bravi narratori), la storia è diventata più colorata con ogni rivisitazione, ma non ha mai detto nulla su una mela che letteralmente colpisce Newton sulla testa. Per quanto ne sappiamo, avrebbe potuto essere un fico.

Nota dell'autore: 10 falsi fatti storici che tutti conoscono

Non ho intenzione di mettermi in imbarazzo ammettendo quanti di questi falsi fatti credevo fossero veri prima di fare ricerche su questo articolo, ma ti darò un suggerimento: inizia con un "n" e fa rima con "fine." In mia difesa, alcune di queste falsità hanno ancora i loro difensori, come le discussioni sulla vera causa della guerra civile, o la controversia sull'orecchio di van Gogh. Il lato positivo di sentirsi tragicamente denso, ovviamente, è la capacità di girarsi e agire come un odioso saputello con amici e familiari. Basta chiedere a mia moglie e ai miei figli!


Esorcismo: fatti e finzione sulla possessione demoniaca

La convinzione che i demoni esistano e possano possedere le persone è ovviamente roba da film di finzione e horror, ma è anche una delle credenze religiose più diffuse al mondo. La maggior parte delle religioni afferma che gli esseri umani possono essere posseduti da spiriti demoniaci (la Bibbia, ad esempio, racconta sei casi in cui Gesù scaccia i demoni) e offre esorcismi per rimediare a questa minaccia.

L'idea che gli spiriti invasori siano intrinsecamente malvagi è in gran parte un concetto giudaico-cristiano che molte religioni e sistemi di credenze accettano il possesso da parte di entità sia benefiche che malevole per brevi periodi di tempo come aspetti non comuni - e non particolarmente allarmanti - della vita spirituale. Lo spiritismo, una religione che fiorì in tutta l'America nel 1800 ed è ancora praticata in pochi luoghi oggi, insegna che la morte è un'illusione e che gli spiriti possono possedere gli umani. I New Age hanno anche abbracciato a lungo una forma di possessione chiamata channeling, in cui si dice che gli spiriti dei morti abitino il corpo di un medium e comunichino attraverso di loro. Centinaia di libri, e anche alcune sinfonie, sarebbero state composte da spiriti.

Esorcismi immaginari

Hollywood, ovviamente, è stata ansiosa di sfruttare il continuo fascino del pubblico per l'esorcismo e la possessione demoniaca con film spesso soprannominati "basati su una storia vera". Ci sono innumerevoli film ispirati all'esorcismo, tra cui "L'ultimo esorcismo", "L'esorcismo di Emily Rose", "The Devil Inside" e "The Rite" - che variano notevolmente in termini di qualità, originalità e spavento. La più grande influenza culturale, ovviamente, è venuta dal classico "L'esorcista". Nelle settimane successive all'uscita del film nel 1974, un centro cattolico di Boston riceveva richieste quotidiane di esorcismi. La sceneggiatura è stata scritta da William Peter Blatty, adattata dal suo romanzo best-seller del 1971 con lo stesso nome. Blatty ha descritto l'ispirazione per il film come un articolo del Washington Post che ha letto nel 1949 su un ragazzo del Maryland che era stato esorcizzato. Blatty credeva (o sosteneva di credere) che fosse un resoconto accurato, anche se una ricerca successiva ha rivelato che la storia era stata sensazionalizzata era tutt'altro che credibile.

Michael Cuneo, nel suo libro "American Exorcism: Expelling Demons in the Land of Plenty", attribuisce a Blatty e "The Exorcist" gran parte dell'interesse moderno per l'esorcismo. Per quanto riguarda l'accuratezza storica, tuttavia, Cuneo caratterizza l'opera di Blatty come una massiccia struttura di fantasia che poggia su una fragile base del diario di un prete. C'è stato davvero un ragazzo che ha subito un esorcismo, ma praticamente tutti i dettagli cruenti e sensazionali che appaiono nel libro e nel film sono stati esagerati o completamente inventati.

Veri esorcismi

Mentre molti americani pensano ai veri esorcismi come reliquie dei secoli bui, gli esorcismi continuano ad essere eseguiti, spesso su persone che sono emotivamente e mentalmente disturbate. Se coloro che subiscono l'esorcismo sono veramente posseduti da spiriti o demoni è tutta un'altra questione. Gli esorcismi vengono praticati su persone di forte fede religiosa. Nella misura in cui gli esorcismi "funzionano", è dovuto al potere della suggestione e della psicologia: se credi di essere posseduto (e che un esorcismo ti curerà), allora potrebbe farlo.

La parola esorcismo deriva dalla parola greca per giuramento, "exousia". Come spiega lo studioso di studi religiosi James R. Lewis nel suo libro "Satanism Today: An Encyclopedia of Religion, Folklore, and Popular Culture", "Esorcizzare significa quindi qualcosa sulla falsariga di mettere sotto giuramento lo spirito del possessore - invocare un'autorità superiore per costringere lo spirito - piuttosto che un vero e proprio 'cacciato'". Ciò diventa chiaro quando all'entità demoniaca viene comandato di lasciare la persona, non dall'autorità di un sacerdote ma invece, ad esempio, "nel nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo».

Il Vaticano ha emesso per la prima volta linee guida ufficiali sull'esorcismo nel 1614 e le ha riviste nel 1999. Secondo la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, i segni di possessione demoniaca includono una forza sovrumana, l'avversione per l'acqua santa e la capacità di parlare in lingue sconosciute. Altri potenziali segni di possessione demoniaca includono sputi, imprecazioni e "masturbazione eccessiva".

Insieme a una manciata di esorcisti approvati dal Vaticano, ci sono centinaia di sedicenti esorcisti in tutto il mondo. Dopo aver frequentato 50 esorcismi durante la ricerca per il suo libro, Michele Cuneo afferma di non aver mai visto nulla di soprannaturale o inspiegabile: nessuna levitazione o teste rotanti o segni di graffi demoniaci che appaiono improvvisamente sui volti di nessuno, ma molte persone emotivamente turbate da entrambi i lati del rituale.

Mentre la maggior parte delle persone apprezza un film di paura, credere nella realtà letterale dei demoni e nell'efficacia dell'esorcismo può avere conseguenze mortali. Nel 2003, un bambino autistico di 8 anni a Milwaukee, Wisconsin, è stato ucciso durante un esorcismo da membri della chiesa che hanno accusato un demone invasore della sua disabilità nel 2005 una giovane suora in Romania è morta per mano di un prete durante un esorcismo dopo essere stato legato a una croce, imbavagliato e lasciato per giorni senza cibo né acqua nel tentativo di espellere i demoni. E il giorno di Natale del 2010 a Londra, in Inghilterra, un ragazzo di 14 anni di nome Kristy Bamu è stato picchiato e affogato a morte dai parenti che cercavano di esorcizzare uno spirito malvagio dal ragazzo.


I maschi bianchi sono il gruppo più odiato

I maschi bianchi sono il gruppo più odiato in America, secondo un sondaggio somministrato dall'autore di questo blog ai suoi studenti in un college della comunità urbana. In un sondaggio di 10 domande su otto diversi gruppi razziali, di genere ed etnici, i maschi bianchi hanno superato il sondaggio su sei delle domande.

I sondaggi sono stati forniti dall'autore agli studenti delle sue tre classi. Gli studenti avevano un'età compresa tra i diciotto e i trent'anni. C'erano 100 soggetti. Dieci domande sono state progettate ciascuna per misurare l'atteggiamento negativo degli studenti nei confronti degli otto gruppi da varie angolazioni. Le domande sono state scelte per valutare quanto pregiudizio gli studenti avessero nei confronti di particolari gruppi utilizzando varie definizioni di pregiudizio. Tuttavia, il sondaggio si è basato sulla definizione principale: fare generalizzazioni su gruppi di persone, come tutti i maschi bianchi sono imbroglioni.

Gli otto gruppi su cui gli studenti sono stati interrogati nel sondaggio includevano: maschi asiatici femmine asiatiche maschi neri femmine nere maschi ispanici femmine ispaniche maschi bianchi e femmine bianche.

Le dieci domande erano: 1. Dei gruppi di cui sopra, quale pensi sia il più odioso? 2. Dei gruppi di cui sopra, quale pensi sia il più prevenuto? 3. Dei gruppi di cui sopra, di quale ti fideresti meno? 4. Dei gruppi di cui sopra quale pensi sia il più grande bugiardo? 5. Dei gruppi di cui sopra, quale pensi sia il più grande imbroglione? 6. Dei gruppi di cui sopra, quale incolpereste per i torti della società? 7. Dei gruppi di cui sopra, quale membro assumeresti per il tuo negozio? 8. Dei gruppi di cui sopra, quale membro o membri non inviteresti alla tua festa? 9. Dei gruppi di cui sopra, quale suscita i sentimenti più negativi? 10. Se dovessi uccidere uno dei gruppi di cui sopra, quale uccideresti?

I maschi bianchi sembravano essere il gruppo più odiato, poiché la maggior parte dei soggetti li citava rispondendo a cinque delle dieci domande, mentre ai maschi ispanici veniva data la risposta a solo due domande. Quindi i maschi bianchi sono stati il ​​gruppo che ha ottenuto la risposta più negativa complessiva. È quindi lecito ritenere che ci sia più pregiudizio verso i maschi bianchi in questo momento rispetto ad altri gruppi nel sondaggio. Questo sondaggio non ha cercato di scoprire perché ogni gruppo è stato scelto come risposta.

Anche se questo sondaggio non si basa su un campione rappresentativo, poiché è fortemente sbilanciato in termini di genere, razza ed etnia degli intervistati, può comunque essere utilizzato come indicatore di ciò che potrebbe accadere in America. I risultati di questa piccola indagine potrebbero indicare un cambiamento nel modo in cui vediamo i vari gruppi e quindi indicare che le aree maschili bianche di oggi sono il gruppo più odiato e forse il più discriminato in America.

Ci sono molti gruppi di interesse speciali che prendono di mira i maschi bianchi. Per cominciare c'è il Movimento Femminista. Dall'inizio di quella che le femministe chiamano la Seconda Ondata, a partire dalla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni '70, le femministe iniziarono a colpire gli uomini e in particolare i maschi bianchi. Ad esempio, Phyllis Chesler ha scritto un libro intitolato Women and Madness (1972), che è tipico di una moltitudine di libri che cominciarono ad uscire in quel momento. Il tema del libro è che tutte le malattie mentali delle donne, dall'alcolismo al disturbo ossessivo-compulsivo, dal disturbo istrionico alla schizofrenia, dall'anoressia al disturbo di panico, sono il risultato dell'oppressione maschile delle donne da parte dei maschi.

L'eliminazione dei maschi va avanti da circa sette decenni ed è diventato quasi un truismo nella cultura americana che i maschi nascano misogini. Dalla scuola elementare in poi i ragazzi sono rimasti indietro, quasi tutti gli insegnanti elementari sono donne e sono cresciute ascoltando e credendo alla stessa ideologia femminista anti-maschile e questo è apparentemente ciò che insegnano. Oggi i due terzi degli studenti universitari sono donne e la maggior parte dei quadri intermedi nelle imprese sono donne. Le femministe giustificano questo nuovo doppio standard ribattendo con cose come gli uomini hanno oppresso le donne per centinaia di anni e ora è il turno delle donne.

Anche altri gruppi come il movimento per i diritti dei gay hanno iniziato a cestinare gli uomini, in questo caso uomini eterosessuali, chiamandoli omofobi se nutrivano la convinzione che l'omosessualità fosse un disturbo sessuale. Ora c'è persino una divisione tra maschi gay bianchi e altri maschi gay. Si dice che i maschi gay bianchi godano del privilegio bianco e quindi sono disprezzati dai maschi gay neri ed etnici. Un articolo su Out, una rivista gay, rileva che i maschi gay bianchi non sono coinvolti in episodi di discriminazione che coinvolgono le minoranze.

Il movimento per i diritti civili si unì al partito della pietà, unendosi alle femministe per incolpare principalmente i maschi bianchi per la schiavitù (postulando che i maschi bianchi costringessero le donne bianche ad accettarlo). C'è un certo segmento radicale della cultura nera che grida allo scandalo! ogni volta che un poliziotto bianco spara a un nero. Durante l'era recente abbiamo avuto casi dopo casi in cui questo è accaduto e subito si sono verificate forti lamentele sulla brutalità della polizia bianca. C'è un'immediata corsa al giudizio che spesso porta alla sospensione degli agenti di polizia bianchi. A volte le accuse di poliziotti bianchi sono seguite da poliziotti bianchi assassinati. Il risultato di questa tendenza è che le persone ovunque, bianche o nere o asiatiche, hanno iniziato a credere che ci sia una sorta di epidemia di uccisioni di uomini di colore da parte di poliziotti bianchi. Un recente libro di Butler (2017) ha sostenuto che i poliziotti bianchi prendono di mira gli uomini di colore, definendolo un soffocamento, e che equivaleva a una sorta di oppressione. C'è una ricerca scientifica su questo, ma nessuno sta ascoltando. È il processo dell'isteria dei social media.

I maschi bianchi ora sembrano essere il capro espiatorio della nostra cultura. Perché sono il capro espiatorio non è tanto importante quanto il fatto che la nostra società sembra aver bisogno di un capro espiatorio. Si spera che diventeremo una società in cui non siano più necessari i fustigatori o le frustate. Si spera che diventeremo una società veramente equa.


Guarda il video: Ancaman Tidak Adil Memberi Hibah Kepada Anak-Anak. (Agosto 2022).