Articoli

Matrimoni misti in una società polietnica: un caso di studio di Tana, XIV-XV secolo

Matrimoni misti in una società polietnica: un caso di studio di Tana, XIV-XV secolo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Matrimoni misti in una società polietnica: un caso di studio di Tana, XIV-XV secolo

Di S. Karpov

Tolleranza e repressione nel Medioevo (2002)

Introduzione: L'area del Mar d'Azov e dell'estuario del Don era di notevole importanza per Bisanzio (nel XII secolo era sotto il diretto controllo bizantino) come fonte di approvvigionamento di grano, sale e pesce per Costantinopoli e l'Anatolia settentrionale. Questo ruolo aumentò gradualmente dalla metà del XIII secolo, quando nuovi assi di grande commercio passarono attraverso i principali porti del Mar Nero. Dapprima Soldaia (Sudak), poi Caff a (Theodosia) e Tana (Azov) divennero i principali terminali del commercio internazionale e locale nel Ponto settentrionale durante due secoli di dominazione latina nell'area.

Tana è un nome di insediamenti italiani vicino (e in parte all'interno) della grande città musulmana di Azak. A volte il tartaro Azak era chiamato anche Tana dagli scrittori medievali dell'Europa occidentale. Uso qui il nome di Tana solo nel suo senso proprio e stretto. Tuttavia, la differenziazione di Tana da Azak è abbastanza relativa. Gli insediamenti italiani erano fortificati e distaccati dal quartiere semi-nomade tartaro, ma confinavano con i quartieri e le case di abitanti greci, slavi, zieh, armeni ed ebrei che gradualmente si infiltrarono nel territorio degli insediamenti italiani. È anche probabile che un insediamento greco medievale con un nome simile abbia preceduto l'italiano Tana.


Guarda il video: Migrazioni: una società multiculturale (Potrebbe 2022).